IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni comunali di Vado e Quiliano, Ghiso (Prc): “Partire da sinistra senza ambiguità o compromessi”

Vado Ligure. In questo periodo fervono i contatti per costruire alleanze in vista della tornata elettorale della primavera prossima, nella quale andranno al voto anche le amministrazioni di Vado Ligure e Quiliano. Sul tema interviene Valeria Ghiso, segretaria del circolo Prc XXV Aprile di Vado Ligure-Quiliano.

“Il Partito della Rifondazione Comunista – afferma Ghiso – in questi anni è stato sempre a fianco dei lavoratori in lotta per la difesa dell’occupazione, a fianco di tutti i cittadini nelle battaglie per la salute e per l’ambiente come dimostra il nostro impegno anche nell’ampio movimento contro il carbone”.

“Abbiamo agito sempre con coerenza e trasparenza rispetto ai programmi che ci eravamo prefissati – prosegue -, pagando anche prezzi molto alti, come dimostra la nostra uscita dalla giunta di Quiliano nel momento in cui ci siamo resi conto che la maggioranza intendeva intraprendere percorsi per noi non adeguati rispetto al problema della centrale e al rifacimento dei gruppi che condannerà la nostra provincia ad altri decenni di carbone”.

“Oggi – rimarca Ghiso – noi continuiamo a lavorare sul territorio e siamo convinti che i comuni di Vado e Quiliano abbiano bisogno di una amministrazione capace di coniugare davvero i problemi ambientali con quelli del lavoro, che dia voce alle tante istanze che emergono ogni giorno soprattutto in un periodo di crisi profonda come quella che stiamo vivendo, che sia capace di gestire bene i fondi pubblici a disposizione dei comuni, nell’interesse dei più deboli, dei giovani che non trovano lavoro, dei pensionati sempre più in difficoltà, che valorizzi il patrimonio pubblico creando là dove è possibile, anche posti di lavoro”.

“Per fare questo – conclude – a nostro avviso occorre partire da sinistra senza ambiguità o compromessi, costruire una coalizione con forze politiche che concordino un programma sulle grandi questioni (centrale e piattaforma), solo per citarne alcune, che trovi i suoi primi interlocutori in quanti si ritrovano oggi in prima linea nel lavoro delle associazioni, nei lavoratori del territorio, e ascolti le esigenze delle persone per concretizzarle in linee di indirizzo capaci di fermare l’involuzione di questi anni e dare slancio all’economia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.