IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cantieri ex Rodriquez, asse sindacati-istituzioni: “Necessarie certezze sulla ricollocazione a Pietra”

Pietra Ligure. Pressing istituzionale e sindacale per trovare uno sbocco alla situazione dei lavoratori dei cantieri navali di Pietra Ligure. Stamane si è svolto l’atteso incontro in Regione con l’assessore Enrico Vesco e il sindaco Luigi De Vincenzi: sul tavolo il trasferimento dei dipendenti a Sarzana, sede societaria del gruppo Intermarine, e la loro futura ricollocazione. Su quest’ultimo punto vige l’incertezza.

Incontro Rodriquez Pietra

“Permane una forte contrapposizione fra lavoratori e azienda – sottolinea l’assessore Vesco – Dobbiamo dare la certezza su un percorso definito per la riqualificazione dell’area. Il cantiere navale si farà e dovrà essere completato entro la prima parte del 2015. Appena partirà il nuovo cantiere, dovranno essere riassunti tutti. I costi che i lavoratori sostengono per questa trasferta devono essere in qualche modo rifusi dall’azienda. E’ inaccettabile il rifiuto su questo punto. Poi tutti dovranno avere la prospettiva di essere ricollocati in quel sito”.

Alessandro Vella, segretario territoriale della Fim Cisl, commenta: “Si sta lavorando per trovare una soluzione condivisa. Ovviamente i lavoratori pretendono risposte per una situazione che ormai si protrae da troppo tempo. L’attesa è sempre stata quella del cantiere nuovo con nuove possibilità produttive. Dall’altra parte c’è un’azienda che dichiara grosse difficoltà, prospettando il trasferimento a Sarzana. Va bene una soluzione che tenga conto del ritorno dei lavoratori al loro cantiere di Pietra Ligure”.

Alberto Lazzari della Fiom Cgil ribadisce: “Bisogna essere chiari su ciò di cui si sta parlando. Il cantiere di Pietra verrà demolito, sostituito da un altro sito produttivo: occorre che il nuovo stabilimento veda impiegati i lavoratori della Rodriquez e non qualcun altro. E’ il punto reale della questione. Per questo siamo contrari alla chiusura dell’attività produttiva a Pietra. L’ipotesi di Sarzana, pur pesante, è da valutare. Purché sia una questione di mesi e poi si torni a lavorare a Pietra”.

“La condizione del ritrasferimento a Pietra deve essere assoluta – osserva il sindaco Luigi De Vincenzi – Il prossimo 24 si dovrà decidere per dare risposte ai lavoratori, sullo spostamento a Sarzana e chiaramente sulla riassunzione quando verrà aperto il cantiere a Pietra. Ci vuole la convergenza tra lavoratori e azienda per trovare una ‘soluzione-tambone’ all’anno e mezzo di lavori sull’area”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.