IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calendario venatorio, l’assessore Briano: “Il Tar respinge il ricorso delle associazioni ambientaliste”

Regione. “Il Tar non ha accolto l’istanza promossa dalle associazioni ambientaliste relativa alla sospensiva del calendario venatorio 2013-2014. Pertanto il calendario approvato dalla Regione Liguria rimane in vigore in tutte le sue parti”. Lo rende noto l’assessore regionale all’ambiente Renata Briano.

“Sono soddisfatta perché lavorare con serietà sulla base di dati scientifici si dimostra la strada vincente” è il commento dell’assessore.

Un mese fa il tribunale amministrativo ligure aveva accolto parzialmente il ricordo delle associazioni Wwf, Lega Abolizione Caccia, Lipu, Lav e Vas dichiarando illegittime alcune parti del calendario 2012-2013. Una pronuncia che faceva ben sperare i ricorrenti, che nel frattempo aveva depositato gli atti per opporsi anche alla corrente stagione 2013-2014, partita domenica scorsa. Ma, secondo quanto riportato dall’assessore Briano, senza risultato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fulvio12

    Dimenticavo, non sarà semplicemente che si è trovato un giudice del TAR che ha fatto il suo dovere? che potrebbe avere capito che certi ricorsi non portano a nulla ? e che è inutile continuare a gettare via risorse della comunità, questa motivazione non sfiora nessuno?

  2. Scritto da fulvio12

    trovo un pò strano il fatto che si dica da tutte le parti che si è lavorato bene : del Porciglione non se ne parla,delle pallottole al piombo non se ne parla ,errore dela regione,gli ambientalisti che non denunciano la loro pericolosità ai NAS e/o ASL Veterinaria, della chiusura della caccia alla beccaccia alle 16,45, senza che ci sia un reale studio scentifico non se ne parla ,perchè?
    in nessun tesserino si deve dichiarare l’ora di abbattimento, dei danni che fà il BEEPERR elettronico nennuno ne parla, e si può discutere parecchio sui Calendari Venatori, sia con chi li fà e con chi li contesta ,MA SI E’ LAVORATO BENE !!! io sarei già stato licenziato. Punto.

  3. Scritto da carlitos

    Grande Briano!!!! almeno in questo caso non ci facciamo coglionare da tutto il mondo

  4. Scritto da carlitos

    Strano ma vero finalmente qualcuno ragiona ancora!! adesso pero’ tutti questi esperti frustrati del WWF, LAC,LIPU ecc.ecc dovrebbero pensare a problemi più seri per impegnare il loro tempo oppure andate a pulire le campagne con le vostre manine curate
    W la passione per la caccia

  5. Scritto da Giro

    Soldi ai produttori di fucili e munizioni, voti ai politici da parte dei cacciatori, soldi nelle casse della regione per le tessere e cacciatori che lo fanno per puro divertimento/hobby (e per questo pagano, altrimenti dovrebbero essere pagati loro). Tutti ipocriti.