IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cabur di Altare, incontro in Regione: revoca dei licenziamenti, azienda impegnata in nuovo piano industriale foto

Più informazioni su

Regione. Risultati positivi nell’ambito della vertenza Cabur, stamane affrontata in Regione, con la presenza di un centinaio di operai dell’azienda altarese giunti con due pullman a Genova per far sentire la propria voce. L’azienda si è impegnata a riproporre un piano industriale più dettagliato e si è resa disponibile a ritirare i 33 licenziamenti, che avrebbero mutilato un terzo della forza lavoro nello stabilimento valbormidese.

Soddisfazione da parte di Andrea Pasa (Fiom Cgil): “L’incontro, grazie all’intervento dei lavoratori che ci hanno accompagnato e allo sforzo delle istituzioni, è stato incoraggiante. L’azienda si è impegnata a ritirare i licenziamenti, nello stesso tempo annunciando la presentazione di un nuovo programma di investimenti, questa volta individuando aree geografiche e strategie precise”.

Il tavolo di confronto fra azienda e sindacati è convocato per il prossimo 30 settembre. “In quella sede – specifica Pasa – valuteremo quali tipi di investimento la proprietà decide di mettere in campo. La presenza massiccia dei lavoratori oggi è stata un po’ il grimaldello per orientare le scelte dell’azienda, ma il problema non è ancora risolto”.

Ci sono tre condizioni poste dalla Regione, rappresentata dagli assessori Vesco e Guccinelli, al management dell’azienda specializzata in morsetteria elettrica: potenziare il sito produttivo di Altare, mantenere la progettazione in loco, portare nello stabilimento valbormidese i futuri investimenti e carichi di lavoro (e non in altre località europee).

“Nel prossimo incontro cercheremo di portare l’azienda sull’ambito della cassa integrazione per ristrutturazione, nel frattempo valutiamo e giudichiamo gli investimenti che verranno dettagliati; in base a questi si calibrano gli ammortizzatori sociali” conclude Pasa.

“Grandissima partecipazione oggi dei lavoratori, che sono arrivati a Genova con due bus – commenta Alessandro Vella – Di fronte alla bozza insufficiente di piano industriale che ci era stato sottoposto, ora almeno si apre un confronto che non preveda i licenziamenti. Si valuterà in base ai risultati di un piano strategico preciso. Oggi si segna una tappa positiva, ma l’appuntamento è per il 30 settembre all’Unione Industriali, quando conosceremo quali investimenti l’azienda è disposta a impiegare. E’ importante, anzitutto, il fatto che ci sia la volontà dichiarata di non delocalizzare, ma di rimanere ad Altare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Il 30 settembre secondo me riceverete tanto di quel fumo negli occhi che vi metterete a piangere.