IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, calci e botte al padre e ai nonni: 18enne arrestato dalla polizia per maltrattamenti in famiglia

Alassio. Pericoloso e violento. Così lo definiscono gli agenti del commissariato di polizia di Alassio che conoscono bene le “imprese” di questo ragazzino, tanto giovane quanto spietato.

A 18 anni appena, A.N. ha già ricevuto più volte la visita degli agenti chiamati dal padre e dai suoi anziani nonni, riempiti di botte da quel ragazzo che sembra conoscere solo la forza come mezzo per imporsi. Nel febbraio 2012, per un rimprovero giudicato “di troppo”, il giovane aveva riempito di calci il nonno ultrasettantenne, facendolo finire a terra e infierendo su di lui con una raffica di pugni, tanto da rompergli quattro costole e mandarlo in ospedale. Trattamenti simili ha riservato pure al padre, anche dopo l’operazione subita alla cervicale: da quel momento il diciottenne ha preso di mira il punto debole del genitore per fargli ancora più male.

Ieri, l’ennesimo atto violento andato in scena nella casa di Moglio, sulle alture alassine, dove il ragazzino vive insieme ai tre (i suoi genitori sono separati e la mamma vive a Genova). Tutti sono nell’orto a darsi da fare, mentre A.N. è spaparanzato sul divano a guardare la tv. A riprenderlo, prima, è il padre (“Sarebbe ora che venissi a lavorare anche tu” avrebbe “osato” dirgli) che se la cava solo con una pantofola tirata in faccia, e poi è la volta del nonno che, dopo averlo rimproverato per tutto quel disordine, è stato preso per la gola e strattonato. Di qui la chiamata al 113 e l’arresto del ragazzo per maltrattamenti in famiglia.

Il giovane era praticamente il terrore di casa. Era seguito da tempo dai servizi sociali, considerato un soggetto problematico, capace di violenze inaudite anche solo per un piccolo rimprovero (chi lo ha seguito ha parlato di “forti alterazioni comportamentali”), e in grado di mostrarsi invece un agnellino davanti ai poliziotti intervenuti per evitare che la situazione degenerasse. Davanti agli agenti, infatti, A.N. si sarebbe mostrato pentito e piangente, ma il suo comportamento recidivo rivelerebbe il suo vero volto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlitos

    Subito nel miglio verde

  2. Scritto da carlitos

    Pala e picco giorno e notte

  3. Scritto da mrscultz

    So benissimo di dire cose brutte ed opinabili ma, leggendo questo articolo, non posso fare a meno di pensare alle fattrici (inteso come femmina del cane atta alla riproduzione) le quali, quando individuano in una cucciolata un elemento non idoneo alla crescita, inteso sia come salute che come carattere, lo soffocano con il loro peso a vantaggio degli altri cuccioli. Se io avessi concepito un “essere” del genere penso proprio lo avrei soffocato nel sonno per evitare che crescesse con il solo scopo di fare del male a chiunque, compreso genitori e parenti…poi pensatela come volete ma io certe cose proprio non le concepisco, che siano figli miei o di chicchessia. E poi non parliamo di degrado, difficolta famigliari, disadattamento sociale eccetera…quello è nato “cucciolo malato” e basta!!

  4. Scritto da El Rey del Mundo

    Soldi, soldi, soldi…

  5. Scritto da casak

    dovrebbe essere allontanato dalla famiglia almeno da adesso sino a quando andrà a militare e vedere come se la caverà lì con i rimproveri. Non rovinatelo però.