IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Toshiba a Carcare, la Cgil chiede la convocazione di un tavolo urgente: “Ricollocare i lavoratori in difficoltà”

Carcare. Considerato il colpo d’acceleratore sul progetto di insediamento di Toshiba in Valbormida, la Cgil chiede un incontro urgente con soggetti istituzionali e rappresentanti della multinazionale per capire cosa effettivamente porterà quello che, per il colosso nipponico, sarebbe il primo stabilimento manifatturiero in Europa.

Cgil Savona

Spiega Fulvia Veirana, segretario generale della Cgil savonese: “L’insediamento Toshiba è l’unica opportunità ad oggi nell’orizzonte di Savona, per cui si tratta di un’occasione da coltivare. Si è parlato molto, ma non si conosce ancora il vero progetto dell’azienda sul territorio. E’ fondamentale intanto che Provincia e Regioni che convochino un tavolo, così da fornire gli elementi per capire quali saranno le prospettive occupazionali”.

“La crisi in provincia di Savona continua a mordere, con situazioni gravissime ed espulsioni dal lavoro – prosegue – Occorre sapere, rispetto al lavoro che fa Toshiba, come i lavoratori possano essere riconvertiti per entrare in quel mercato; dopo, ovviamente, servono garanzie affinché i lavoratori ci entrino. Al più presto serve una convocazione specifica su quello che sarà l’impatto di Toshiba, anche per l’indotto”.

Si è stimato che l’arrivo di Toshiba Transmission & Distribution Europe Spa a Carcare possa tradursi in 200 nuovi posti di lavoro, più ricadute economiche di rilievo per l’indotto e in particolare per la Am Stampi di Bragno. Un’autentica boccata d’ossigeno nella crisi nera del tessuto produttivo provinciale. Per metà settembre è prevista la conferenza dei servizi deliberante; l’iter autorizzativo dovrebbe chiudersi entro il 31 ottobre.

“Fino ad ora il protocollo siglato con la Provincia sull’emergenza lavoro non ha dato frutti – commenta Fulvia Veirana – Auspichiamo che in questa circostanza la Provincia voglia giocare un ruolo. Altrimenti chiederemo all’azienda direttamente di aprire la discussione. Io credo che le istituzioni, che tanto hanno fatto per portare qui un’opportunità di questo genere, a partire dalla Regione, si sentano di giocare un ruolo sociale per la ricollocazione dei lavoratori in difficoltà”.

“Sono già stati preventivati corsi di formazione, ma la formazione si fa sapendo bene che tipo di preparazione serve per un’azienda. Vogliamo che i soldi pubblici siano spesi per trovare un’occupazione per quei lavoratori costretti in una specie di limbo” conclude il segretario della Cgil.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    Hai ragione @mb . . . anche se NON bisogna fare “di tutta l’erba un fascio”, da che mondo è mondo “lavativi” delle grosse industrie son sempre stati protetti dai sindacati . . . vuol dire tessere pagate al sindacato, e voti per i potenti schierati a sinistra . . . ILVA, Ferrania, ex-Cantieri Rodriguez, cantieri Baglietto . . . tutti o ad aspettare il sussidio (CIG in deroga, of course..) o ad aspettare i pre-pensionamenti . . . tutti a difendere lo stipendio (NON i posti di lavoro) . . .

  2. franzdea
    Scritto da franzdea

    lasciamo lavorare la Toshiba i lavoratori in gamba che ci sono sicuramente li andrannoa afre i colloqui e sapranno farsi assumere senza bisognodelle raccomandazioni dei sindacati..qualcuno ha chiesto il oro intervento? ah scusate devono giustificare i milioni di euro che si mangaino all’anno per far nuylla o anzi far peggio..basta game over sindacati go home e non rompete piu le p… ai lavoratori e agli imprenditori che investono…

  3. Scritto da zac975

    Poi ricordarti una cosa mb: anche sulla cassa integrazione e sulla mobilita’ ci sono le tasse che paghi anche tu…quindi nessun lavoratore vive sulle spalle di nessuno….sono convinto che anche tra i tuoi colleghi ci sono dei debosciati, gente che con la loro nomea rovina anche la reputazione di altri colleghi o ex colleghi……….Non siamo tutti uguali!

  4. Scritto da zac975

    si caro mb , hai ragione….dove lavoravo prima….( in ferrania) molti erano debosciati e lavativi)…ma non tutti….ci sono anche tanti che, come il sottoscritto se la sono presa semplicemente nel culo, e che da tempo ormai hanno e stanno cercato lavoro altrove, ma che non ci sono riusciti…Quindi per favore non generalizziamo……..I debosciati ci sono ovunque

  5. Scritto da mb

    Dai che si comincia, il grande movimento sindacale prepara la strada per stancare la dirigenza di toshiba imponendogli l’assunzione di quei 4 debosciati e lavativi ex ferrania che da un decennio vivono sulle spalle di chi lavora!