IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione: cinque bandi da 715 mila euro per danza, musica e teatro

Regione. In arrivo nuove risorse dalla Regione Liguria per la musica, la danza, il teatro di tanti appuntamenti estivi sotto le stelle e altri in cartellone nei prossimi mesi nelle sale in Liguria.

Ammonta a 715 mila euro, infatti, lo stanziamento che la Regione Liguria-Assessorato al Turismo, Cultura e Spettacoli, ha destinato a cinque bandi per sostenere il filone della “Liguria festival , gli spettacoli dal vivo, le bande musicali e le corali. I finanziamenti, in alcuni casi, riguardano anche iniziative già svolte, oltre che quelle in programma nel 2013.

I bandi sono aperti a soggetti pubblici e privati e a partire dal 14 agosto 2013 verranno pubblicati sul BUR- Bollettino Ufficiale della Regione Liguria e sul portale www.culturainliguria.it dove gli interessati potranno trovare le modalità e i termini per la presentazione delle domande.

Lo ha reso noto in mattinata l’assessore regionale Angelo Berlangieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Ne abbiamo le palle piene di questi finanziamenti per la “cultura” lo “spettacolo” e bla bla bla….io qui vedo solo sagre e spettacolini di quart’ordine. Non parliamo poi del cinema che produce rumenta a nastro….e io pago.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Come contribuente “torchiato” leggo con fastidio queste notizie ….
    .
    Vorrei leggere che una redistribuzione di quattrini deriva da un abbattimento degli stipendi pubblici superiori ai settemila euro netti mensili.