IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Picchiano e rapinano in casa un settantenne di Albenga. La chiave della cassaforte si spezza

Più informazioni su

Albenga. Hanno fatto una vera e propria irruzione nell’abitazione di un pensionato, malmenandolo e immobilizzandolo per mettergli a soqquadro la casa in cerca di denaro, ma soprattutto della cassaforte. E’ successo in serata nel centro storico di Albenga, in via Somis.

Il malcapitato, un uomo di 70 anni, si è visto piombare tra le mura domestiche quelli che si sono rivelati rapinatori senza scrupoli. I due banditi (ma un terzo complice, forse, potrebbe aver agito da palo all’esterno della palazzina) hanno subito assalito la vittima, cercando prima di farsi aprire il portone e poi sfondandolo.

Sono entrati all’interno con il volto travisato da passamontagna. Hanno aggredito, legato e imbavagliato l’anziano nella cucina e si sono fatti consegnare la chiave della cassaforte. Poi hanno cominciato a frugare per la casa ed hanno individuato il forziere. Ma, una volta infilata la chiave e cercando di aprire, la stessa si è spezzata nella serratura.

Nel frattempo i gemiti di dolore e i rumori provenienti dall’appartamento, al terzo piano di un palazzo nel quartiere di Sant’Eulalia, hanno richiamato l’attenzione di una vicina, che ha dato l’allarme. I rapinatori hanno cercato di manomettere la cassaforte, ma senza risultato. Infine hanno optato per la fuga e si sono dileguati a mani vuote.

Sul posto sono arrivati i carabinieri, che hanno avviato le indagini, mentre il pensionato è stato soccorso e trasportato al Santa Corona per le medicazioni e gli accertamenti del caso. E’ ora ricoverato sotto choc e con una prognosi di 7 giorni. Quando si sarà ripreso, la sua testimonianza sull’accaduto potrà fornire elementi utili agli investigatori.

L’ipotesi è che si tratti di una banda di professionisti: qualcuno che ha osservato i movimenti del pensionato, prima di agire, e che ha carpito informazioni per mettere a segno il colpo. La presenza della cassaforte era nota ai malviventi, che miravano a svuotarla in pochi minuti dopo essersi fatti consegnare la chiave dal proprietario sotto minaccia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da notorious

    Spezzare la chiave di una cassaforte?!!
    La vedo dura… E se il pensionato avesse segnato la chiave affinche’ si spezzi se qualcun’altro la usasse senza le dovute cautele? Un genio!
    Tutti a prendere la lima!!!!!!!

  2. Scritto da immanuel

    Cit: “L’ipotesi è che si tratti di una banda di professionisti”. Professionisti che infilano una chiave nella toppa della cassaforte e la spezzano. Pfui… non esistono più i professionisti di un tempo

  3. Scritto da pensierolibero

    Se li prendono la colpa sarà del vecchietto !! E loro libei. Carabinieri non sprecate tempo il giudice li libererà