IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Passeggiata Finalpia-Varigotti, Anas e Sovrintendenza opposte sui muretti. Il vicesindaco: “Troveremo accordo”

Finale Ligure. Ulteriore tassello per la nuova passerella ciclo-pedonale tra Capo San Donato e Varigotti. Oggi si è svolta conferenza dei servizi che ha fatto il punto sulle osservazioni di carattere ambientale, viario e paessaggistico al progetto preliminare. Il nodo è quello che oppone la Sovrintendenza, che vuole tutelare i muretti oggi esistenti sulla litoranea, e l’Anas che invece li ritieni poco sicuri per la viabilità.

barusso ferrari vicesindaco finale

Spiega il vicesindaco Giovanni Ferrari Barusso: “Ci siamo incontrati con l’Anas e la Regione Liguria prendendo in esame il progetto preliminare e lo studio di fattibilità. I pareri scritti arriveranno nei prossimi giorni. C’è il problema di coniugare le risorse economiche a disposizione, che non sono molte, con i problemi ambientali segnalati dalla Sovrintendenza che vuole conservare i muretti storici sull’Aurelia, contrariamente all’Anas che ritiene questi muretti non sicuri”.

“La recinzione dell’Aurelia non è oggetto del progetto, perché non ci sarebbero i finanziamenti – prosegue l’amministratore finalese – Ma ovviamente ogni ente pone l’accento sulle proprie priorità. Per l’Anas la priorità è la sicurezza stradale, mentre per la Sovrintendenza è il mantenimento delle strutture storiche. Per il Comune si tratta di andare avanti con la realizzazione di questa passerella, con la sua valenza turistica e nello stesso tempo di sicurezza: toglieremo centinaia di pedoni che attualmente transitano sull’Aurelia. Le idee e la volontà ci sono; troveremo l’accordo”.

Il collegamento ha un costo di 470 mila euro. L’opera, progettata dallo studio Viola di Calice Ligure, prevede un marciapiede a sbalzo largo 1,5 metri tra Finalpia e Varigotti.

“I finanziamenti sia comunale sia regionale sono a bilancio – sottolinea Ferrari Barusso – Bisogna coniugare le esigenze dei diversi enti. Una volta trovato l’accordo si potrà avere il progetto definitivo nel giro di pochi mesi. Dal punto di vista della realizzazione, invece, andremo a replicare quanto fatto per la passerella tra Capo San Donato e Castelletto, quindi non un lungo lavoro. Stiamo lavorando per porre le basi dell’appalto e per l’inizio del prossimo anno cominciare i lavori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    . . certo che in Italia si “litiga” anche per i muretti . . . figuriamoci per la TAV, terzo valico genovese, etc. cosa succede ogni giorno . . .