IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Movida e alcol, “La Suerte” vietata ai minori: senza carta d’identità non si entra

Laigueglia. Vietata ai minori. E’ la discoteca di Laigueglia “La Suerte”, protagonista, qualche settimana fa, dell’assalto di numerose ambulanze giunte in soccorso di ragazzini ubriachi e al limite del coma etilico, e che non ci sta ad essere vista come luogo in cui accadono episodi simili.

E così è proprio qui che vanno in scena i controlli più meticolosi sui clienti che, senza se e senza ma, devono obbligatoriamente esibire la propria carta d’identità per dimostrare di avere più di 18 anni e, dunque, per poter entrare.

“Visto che abbiamo avuto qualche problema a inizio stagione, abbiamo pensato a questo format ‘vietato ai minori’- dice il gestore, Angelo Pisella – Non è infatti possibile che un 14enne o un 16enne si alcolizzi, anche se chi fa questo lavoro è difficile che dia da bere a un minorenne. Tuttavia qualcosa può sfuggire, si può essere tratti in inganno, anche perché è facile che a ordinare da bere arrivi un maggiorenne e che prenda un cocktail anche per le persone più piccole. L’unica soluzione è dunque questa: non far entrare minorenni e chiedere a tutti la carta d’identità”.

“E’ una scelta difficile per chi fa questo mestere perché significa mandare via ogni sera 200-300 persone, ma non possiamo agire diversamente – dice ancora Pisella – Chi non ha il documento non entra nel locale, così come accade in tutto il mondo. Alcuni hanno protestato i primi tempi, ma ora la maggior parte ha imparato e si presenta con la carta d’identità in mano. Stiamo facendo un buon lavoro direi”.

Alcuni, ogni tanto, provano a fare i furbetti e a esibire il tesserino sanitario (privo di fotografia) di altri, o fotocopiando carte d’identità “sbiadite” o addirittura modificando la propria età sul proprio profilo Facebook per avere una prova da esibire in mancanza di documenti. Ma i gestori sono inflessibili: o carta d’identità o a casa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lisa

    La festa di ieri sera era esclusa da questa regola?

  2. Scritto da aVV44

    pero’ sembra che all interno non venga rispettato il divieto di fumare…

  3. soccorritorialassio
    Scritto da soccorritorialassio

    Un altro passo a salvaguardia di vite umane.
    Complimenti!!!!

  4. Scritto da notorious

    Era ora. E aggiungo che anche le altre discoteche dovrebbero allinearsi a cio. Che creino serate under18 (o la domenica pomerifgio come una volta). In questo modo magari inveglieranno alcuni genitori a far andare in disco i figli e eviteranno che i neo over 18 o altri, svicolino alcuni locali perche ‘la ci sono i bambini’

  5. ThinkyWinky
    Scritto da ThinkyWinky

    Mi pare una decisione saggia. Ma non risolve il problema. Si andranno ad alcolizzare altrove. Però, intanto, qualcuno si muove. Meglio che niente.