IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Mare Sicuro”, sanzioni per barche troppo vicine alla riva: consigli per una navigazione corretta

Andora/Loano. Prosegue l’operazione “Mare Sicuro 2013” da parte del personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Alassio che, sotto coordinamento della Capitaneria di Porto di Savona, quotidianamente svolge attività di vigilanza e controllo sulle spiagge e nelle acque di propria giurisdizione, monitorando ogni situazione di rischio e rimanendo sempre pronto ad intervenire in caso di soccorso.

Durante le uscite in mare dei dipendenti mezzi navali, effettuati nelle giornata di ieri, la Guardia Costiera di Alassio ha riscontrato diverse irregolarità. In mattinata una unità è stata fermata nei pressi di Capo Mele perché intenta a navigare ben entro i 100 metri dalla costa a picco sul mare, dove l’area è riservata alla balneazione. A seguito dei controlli dei documenti di bordo si è constatato che la medesima imbarcazione non era coperta da titolo assicurativo per cui, oltre ad elevare la sanzione amministrativa, si è proceduto al sequestro della stessa.

Intorno a mezzogiorno, nelle acque antistanti il Comune di Loano, è stato verbalizzato un subacqueo intento in operazioni di pesca con fucile entro la fascia di mare riservata alla balneazione con conseguente sequestro dell’attrezzatura da pesca. Nel pomeriggio, sempre nelle acque antistanti il Comune di Loano, è stata fermata e verbalizzata un’imbarcazione che procedeva ad alta velocità in prossimità della fascia di mare riservata alla balneazione, dove il limite è di 10 nodi.

“Raggiunta oramai la massima concentrazione degli utenti del mare lungo il litorale costiero, risulta necessario sottolineare, ancora una volta, l’importanza della tutela dell’ambiente e del rispetto delle regole del mare, affinché tutti possano godere di una pacifica balneazione e di una sicura navigazione” si legge in una nota della Capitaneria di porto savonese.

“Inoltre, prima di intraprendere la navigazione, si ricorda di: compiere, prima della partenza, alcuni controlli di ordinaria manutenzione (es. pulire i contatti della batteria, controllo dei livelli olio e carburante, funzionamento del quadro motore); controllare i mezzi di salvataggio individuali e collettivi e le dotazioni di sicurezza presenti a bordo in ragione delle persone imbarcate e della distanza dalla costa; informare un conoscente a terra del percorso che verrà effettuato; portare con sé sempre un cellulare; consultare le ordinanze di interesse in relazione alla navigazione che si vuole intraprendere; contattare il numero blu 1530, facente capo alla Guardia Costiera, per comunicare tempestivamente ogni situazione di Emergenza in Mare” conclude la nota.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.