IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imu, Camiciottoli: “Lo Stato sconta 97 miliardi alle società di slot machine per accanirsi sulle famiglie”

Pontinvrea. Archiviata l’Imu, il sindaco di Pontinvrea (battagliero contestatore dell’imposta) non canta vittoria ma rilancia la polemica. “Il reale problema sono le coperture finanziarie, i quattro miliardi da coprire verranno così recuperati: 3,5 mld dall’aumento dei carburanti, il miliardo rimanente invece verrà pagato dalle 10 società di slot machine che devono allo Stato italiano 98 mld. Gli è stato fatto un piccolo sconto visto che pagheranno solo un miliardo a fronte di un debito ben più cospicuo” afferma Matteo Camiciottoli.

“Nel primo caso, escono dalla porta rientrando dalla finestra rompendo il vetro e cioè non solo facendo pagare il gettito necessario a tutti gli italiani, ma andando ancora di più a comprimere i consumi delle famiglie per il relativo rincaro che avranno i prodotti a causa dell’aumento dei carburanti e quindi mettendo ancora più in ginocchio il commercio ormai allo stremo; nel secondo caso, beh, si è toccata l’indecenza! Ma come può uno Stato fare uno sconto di 97 mld a dei debitori e poi accanirsi contro le famiglie! E’ un’indecenza che nessun magistrato non alzi la voce verso questo ennesimo favore che si fa a qualche furbetto” sottolinea Camiciottoli.

Nel frattempo l’Italia muore e le soluzioni che si danno da Roma sono la Tares e la Service Tax – conclude il primo cittadino di Pontinvrea – In questo modo non si risolvono i problemi ma si fanno pagare sempre agli stessi il mantenimento dei privilegi; chiamatela ‘demagogia’ o ‘populismo’, per me la realtà è che c’è un paziente che muore di fame ed il medico invece di curarlo si gira dall’altra parte e si mangia un bel panino magari rubato dal cassetto del paziente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da comune pontinvrea

    Io personalmente non ho nessuna ambizione di fare il parlamentare ne a 5 ne a 4 stelle anche perchè nel mio piccolo ho sempre attaccato il sistema in modo costruttivo e soprattutto a tutela dei miei cittadini, la questione dei 98 mld di euro è uno scandalo per il semplice fatto che se ognuno di voi di noi deve allo stato tot. euro che non può in quel momento pagare non che non vuole lo stato vi mette in ginocchio, questi signori devono allo stato 98 mld quasi quattro finanziarie e lo stato con i suoi poteri cosa fà li riduce a briciole, ma stiamo scherzando, ma perche’ i partiti non sono insorti? Comunque la mia storia è sotto gli occhi di tutti prima che si facessero i referendum sull’acqua avevamo fatto saltare la costituzione dell’ato savonese impedendo così la privatizzazione dell’acqua, ci hanno deriso quando abbiamo annunciato che non avremmo fatto pagare l’imu ed è dal 2012 che l’imu sulla prima casa non si paga a Pontinvrea, non faremo pagare la tares perchè uccide i commercianti e le famiglie, l’ultima cosa a chi dice che il gettito per coprire l’imu non arriverà dalle accise almeno legga il sole 24 ore dove si riporta che il governo pensa di far entrare 3,5 mld dalle stesse,come mi pare che oggi il Presidente Napolitano abbia confermato con la firma che ha posto sull’iniziativa del governo.

  2. Scritto da protesta

    Benissimo,ci provo anche io a rivolgermi alla Corte dei Conti per farmi ridurre le imposte…l’avessi saputo prima!

  3. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Detasseranno pure le sigarette, visto che la tendenza e di smettere!!!!!
    Lo stato guarda solo le proprie tasche !!!!

  4. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Risparmiati 97 MILIARDI di euro e dunque…uno a te, uno a me, uno a te, uno a me….ecco come si piega il condono. p.s. hanno partecipato TUTTI compresi gli innocentoni della Lega Nord. Quelli del M5S no solo perché non hanno fatto in tempo a partecipare al più grande banchetto della storia della repubblica

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    L’imposta patrimoniale IMU era già incostituzionale (viola l’articvolo 52 della Cost. non considerando la differenziazione dell’imposta su base della capacità di reddito e altri..). Ora è stata camuffata da tassa (Service tax) agglomerandola alla tassa sui ,rifiuti con un pasticcio dove imposte e tasse si confondono in un plateale bisticcio sul piano del diritto fiscale.
    Praticamente, come IMPOSTA non è lecita e come tassa non può esistere.
    Se prima violava anche dettati costituzionali ora come tassa si troverà a tassare in modo anomalo NON per il corripettivo di un servizio pubblcio bensì per un aspetto patrimoniale, ma con una ERRATA codifica, sottoponendo alla gogna fiscale un bene immobiliare già tassato ai fini IRPEF al momento della costituzione del denaro servito per costruire o acquistare un immobile.
    Un pasticcio all’italiana, utile a spillase soldi al soliti noti.
    Inanto, mentre le società di slott machine (i cui assetti societari sarebbe interessante andare a scandagliare per vedere chi vi partecipa..) se la ridono, a fronte di un DEBITO con lo Stato di 98 miliardi di euro PRATICAMENTE CONDONATO, i poveri nesci ..soliti noti PAGHERANNO per permettere al liberal-socialismo di andare avanti con l’inciucione e assicurare le poltrone a chi non aveva altro modo per manerle.