IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Goletta Verde, il Mar Ligure migliora ma non troppo: buon intervento alla foce del Pora

Liguria. Acque pulite? Non proprio, almeno secondo Goletta Verde. Quasi la metà dei campionamenti eseguiti nella nostra Regione sono infatti risultati “fuorilegge”: in undici casi (corrispondenti per lo più alle foci di fiumi e ai canali), rispetto ai 23 punti monitorati lungo i 349 chilometri di costa, è stata evidenziata una carica batterica al di sopra dei valori consentiti dalla legge e per ben nove di questi punti il giudizio è “fortemente inquinato”.

Goletta Verde 2012

Acque avvelenate da scarichi non depurati adeguatamente o che trafilano dalle condotte fognarie con presenze di escherichia coli e enterococchi intestinali che dimostrano ancora una volta che c’è da fare per dare piena attuazione al sistema depurativo ligure.

È questa la fotografia scattata da Goletta Verde, la celebre campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane, realizzata anche grazie al contributo del COOU, Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, che ha fatto tappa in Liguria, penultima regione toccata dal tour 2013 dell’imbarcazione ambientalista.

L’istantanea regionale sulle analisi dell’equipe di biologi di Legambiente è stata presentata questa mattina, in conferenza stampa a Genova, presso la sede di Legambiente Liguria, da Katiuscia Eroe, portavoce di Goletta Verde e Santo Grammatico, presidente Legambiente Liguria, alla presenza di Rosella Bertolotto di Arpal.

L’attenzione si è focalizzata soprattutto alle foci dei corsi d’acqua e in tratti “sospetti” segnalati dai cittadini, attraverso il servizio SOS Goletta, come ad esempio è accaduto nei casi di Ceriale, Genova, Chiavari e La Spezia.

“Ci sono casi positivi, come per esempio quello di Finale Ligure – sottolinea Santo Grammatico – L’anno scorso c’era stata una grossa polemica per l’inquinamento che avevamo segnalato alla foce del Torrente Pora. Gli stessi operatori turistici avevano ingaggiato un biologo, che aveva poi confermato le nostre osservazioni. Da lì è intervenuta l’amministrazione comunale per eliminare le falle. E ora abbiamo trovato una situazione migliorata alla foce del Pora”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.