IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure ospita i bambini della popolazione Saharawi

Più informazioni su

Finale Ligure. Nei giorni scorsi il sindaco Flaminio Richeri ha incontrato presso la sala consiliare del Comune, i bambini della popolazione Saharawi ospitati a Finale Ligure per iniziative della Croce Verde di Finalborgo.

Da sette anni la Pubblica Assistenza ospita, con la collaborazione di alcune delle Associazioni della Consulta del Volontariato, una decina di bimbi provenienti da campi profughi nel deserto del Sahara, appartenenti alla popolazione Saharawi.

“Anche quest’anno, nel mese di agosto, sono stati accolti sul territorio finalese i bimbi chiamati ‘piccoli ambasciatori di pace’ perché sono chiamati a sensibilizzare il mondo occidentale riguardo alla situazione in cui vivono – dicono alla Croce Verde – Il popolo Saharawi vive dal 1975 in una divisione forzata: una parte si trova nei territori del Sahara Occidentale occupati illegalmente dal Marocco, un’altra nei territori liberati della RASD (Repubblica Araba Democratica Saharawi), mentre il resto vive in campi profughi in Algeria. Il Marocco a difesa dei territori occupati nel Sahara Occidentale, ha iniziato nel 1980 la costruzione di un muro , difeso da mine antiuomo per dividere il Sahara Occidentale e separare le famiglie. Il muro della vergogna, lungo 2.720 chilometri, alzato in sei tappe, protetto da 160.000 soldati armati, 240 batterie di artiglieria pesante, più di 20.000 Km di filo spinato, mille veicoli blindati e milioni di mine antiuomo proibite dalla convenzione internazionale. Aderendo al progetto di cooperazione internazionale sostenuto dall’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, la Croce Verde di Finalborgo si è unita alla rete di solidarietà delle associazioni di volontariato che da almeno trent’anni sostengono il popolo Saharawi con iniziative di carattere umanitario, politico e solidaristico. Il programma mira a realizzare l’accoglienza nei mesi di luglio ed agosto di bambine e bambini provenienti dai campi profughi Sahrawi e permettere loro di testimoniare la causa del proprio popolo. I campi profughi sorgono in pieno deserto, nei pressi di Tindouf, in situazione di precarietà per i beni di prima necessità (acqua e generi alimentari), le infrastrutture (scuole, ospedali trasporti, ecc.) e la comunicazione”.

“I bambini Saharawi, nati e vissuti nei campi profughi, sono vittime di questa situazione: vivono con pochi contatti con il mondo esterno e soffrono maggiormente le condizioni climatiche sfavorevoli, soprattutto in estate. Gli obiettivi principali del Programma mirano pertanto a dare ai bimbi un’apertura sul mondo esterno e su una cultura nuova e diversa; un’estate di riposo e svago e un clima più favorevole (attualmente nel deserto la temperatura si aggira sui 50 gradi); un controllo accurato dello stato di salute (esteso anche ai loro accompagnatori , molti bimbi hanno seri problemi); attività ricreative, culturali, sportive e artistiche” concludono alla Croce Verde.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    @denis; con i tuoi 24 vani che possiedi nella tua abitazione perché non li ospiti tutti e dieci tu questi bambini Saharawi? Invece la Croce Verde e il Comune pagano…chissà mai con quali soldi…mah.
    Chissà se i contribuenti ITALIANI FINALESI sono tutti tutti tutti d’accordo su questa “lodevole” iniziativa?

  2. Scritto da El Rey del Mundo

    I soldi per questa favolosa accoglienza chi li mette? Il Comune? La Croce Verde? Ok, ma i soldi in origine da chi arrivano? Già, c’è il fondo di solidarietà, ovvero bisogna stanziare “palanche” assolutamente per i nostri amici color cioccolato o per quelli biondi dagli occhi azzurri provenienti dai Balcani o dall’est Europa. Cari cittadini finalesi (italiani), volete iniziative per il commercio, per il turismo o per creare lavoro ai finalesi (italiani)? ARRANGIATEVI.

  3. Scritto da denis

    Iniziativa lodevole della P.A. Croce Verde di Finalborgo.
    Finalmente si parla anche di questa terra povera e dei suoi popoli con relative ostilità.