IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex cantieri Baglietto, convocato il tavolo istituzionale: sospeso (per ora) il presidio dei lavoratori

Varazze. Il presidio dei lavoratori di questi giorni è stato sospeso in quanto è stato convocato il tavolo istituzionale dei firmatari del protocollo d’intesa in base al quale Azimut subordina l’assunzione dei lavoratori al prolungamento della concessione del porto turistico.

Venerdì 9 agosto, alle ore 11, sono stati convocati dal sindaco Giovanni Delfino i rappresentanti di Provincia e Regione per il tavolo di confronto. “Alla riunione chiederemo di partecipare come Rsu e sindacato insieme alle maestranze del cantiere. Le istituzioni devono chiarire definitivamente se, con la firma sul protocollo d’intesa, hanno vincolato il futuro dei lavoratori non al piazzale produttivo del cantiere ma, in maniera incomprensibile e ingiustificata, all’allungamento delle concessioni del porto di Varazze a Marina di Varazze” afferma l’Rsu sindacale.

I lavoratori hanno quindi sospeso il presidio che riprenderà venerdì dalle ore 10 in vista dell’incontro con le istituzioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    su questa vicenda il comportamento del Comune è stato a dir poco sconcertante prima lasciando mano libero per 100 anni al super padrone Vitelli e poi preso con le mani nella marmellata mettendo macchine indietro tutta perchè si era capito di averla fatto troppo grossa. Dimissioni subito questo sarebbe il loro dovere fossimo in un Paese civile.