IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Depuratore Borghetto, il sindaco di Laigueglia: “Nel frattempo a noi serve impianto temporaneo”

Più informazioni su

Laigueglia. Sì alla soluzione del depuratore consortile di Borghetto, ma forte apprensione per i tempi di ampliamento del servizio che allarga la depurazione alle località più a ponente. E’ quanto esprime il sindaco di Laigueglia, Franco Maglione, scrivendo all’assessore regionale Renata Briano e all’assessore provinciale Santiago Vacca.

“Da sempre Laigueglia si è prodigata per giungere ad una soluzione definitiva di depuratore consortile e, quindi, accoglie con favore la nuova soluzione prospettata, dopo quelle del depuratore ad Alassio e poi a Villanova d’Albenga – scrive il primo cittadino – Tuttavia, stante gli incerti tempi di realizzazione della seconda fase, dovuti ad una evidente nuova progettazione del collettamento e dell’ampliamento del depuratore consortile di Borghetto comunico la nostra forte apprensione in relazione alle tematiche in oggetto specificate che produrrebbero, nelle more della realizzazione delle nuove progettazioni e successive opere, una grave diminuzione dei servizi resi alla popolazione di riferimento, popolazione già oggi priva di depurazione, in un territorio che vive essenzialmente di turismo con aggravio delle spese e dei costi necessari a farvi fronte”.

“In completa aderenza e continuità alla soluzione prospettata stiamo progettando e realizzando un riordino dell’esistente sgrigliatore con installazione di una cosiddetta elica senza fine per detenere solidi maggiori dei 5 mm. (circa) a fronte di quelli maggiori di 20 mm. (circa) filtrati con l’impianto esistente – prosegue Maglione – Nelle more della realizzazione dei collettamenti e dell’ampliamento, il nostro territorio non è tuttavia in grado di attendere oltre una depurazione integrale dei propri reflui e, anche in funzione della nostra piccola realtà, si propone di inserire nello studio di fattibilità la posa in opera di impianto temporaneo, adeguato al solo comprensorio laiguegliese, a fanghi attivi con tecnologia a membrana in container scarrabili, da detenersi sino all’avvenuto collettamento al consortile di Borghetto. Oppure altra soluzione sempre finalizzata a depurare sin da subito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.