IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio regionale, attivazione dello sportello unico per le attività produttive: “Semplificazione per le imprese”

Regione. Raffaella della Bianca (gruppo misto-Riformisti italiani) ha illustrato un’interrogazione sottoscritta anche da Matteo Rosso, Marco Melgrati, Roberto Bagnasco, Luigi Morgillo, Gino Garibaldi, Franco Rocca, Roberta Gasco, Alessio Saso, Marco Scajola (Pdl), con cui ha chiesto alla giunta, “considerato lo scenario in costante evoluzione soprattutto nel rapporto tra pubblica amministrazione ed imprese, a che punto sia l’ente Regione per mettere in atto il SUAP (Sportello unico attività produttive), e quali siano le misure che la Regione intenda intraprendere per governare a livello regionale tale processo”.

Il consigliere ha sottolineato: “La risposta migliore che l’ente Regione può dare alle imprese liguri in tempi complessi come quelli che stiamo vivendo, sia per la crisi economica che per i tagli ai bilanci pubblici, è quella di avere tempi brevi e certi per la gestione delle pratiche. Semplificazione e organizzazione dei processi a livello territoriale che parlino lo stesso linguaggio sia a livello regionale, provinciale e comunale sarebbero un grosso passo avanti per lo snellimento burocratico”.

Della Bianca ha quindi ricordato l’art. 38 del decreto legislativo 138 del 2008 e il d.p.r. 160/2010 che individuano nello “Sportello unico attività produttive” (SUAP) l’unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano come oggetto l’esercizio delle imprese. La realizzazione dello Sportello unico significa, secondo il consigliere, eseguire innanzitutto un’opera di catalizzazione e riorganizzazione a livello regionale di tutti i procedimenti amministrativi, facendo in modo che tutti i comuni e gli enti terzi seguano le stesse procedure per ottimizzare e velocizzare i processi tra le varie pubbliche amministrazioni in modo da essere più efficienti e razionali verso i bisogni delle imprese. In aula della Bianca ha sottolineato che, essendo l’interrogazione piuttosto datata, gli sportelli di fatto già sono stati avviati. Ha però chiesto alla giunta a che punto è l’azione per la semplificazione burocratica e normativa, una questione molto sentita. Della Bianca ha anche chiesto se è stata fatta una verifica sul lavoro svolto dagli sportelli e sui risultati ottenuti.

Per la giunta ha risposto l’assessore allo sviluppo economico, Renzo Guccinelli: “Il procedimento per l’attuazione dei SUAP è stato piuttosto difficile e complesso e di fatto è ancora in atto. Noi stiamo monitorando il lavoro, insieme a Anci e al sistema delle Camere di Commercio, Unioncamere. C’è corresponsabilità fra i diversi soggetti, infatti un provvedimento del 2010 prevede che si facciano accordi. La Regione ha lavorato in questo senso, arrivando ad un accordo con Anci e Camere di Commercio con un’intesa siglata nel settembre 2011. Questo anche se in realtà il ruolo della Regione dovrebbe essere marginale. Noi abbiamo svolto un ruolo di coordinamento. La gestione diretta spetta ai Comuni o alle Camere di Commercio. Abbiamo cercato di creare una sorta di standardizzazione a livello regionale, sulla modulistica e sulla prassi e per il consolidamento del sistema informatico, al fine di arrivare a un sistema omogeneo di procedure autorizzative. In Liguria gli sportelli sono gestiti dal singolo Comune o da un insieme di Comuni in 47 casi, in 173 si è delegato alle Camere di Commercio e soltanto in 15 casi non è stata presa alcuna decisione in merito. Oggi 200 procedure sono state ritenute idonee. A settembre, come consiglia anche il consigliere Della Bianca, potremmo aprire una fase di ascolto esterna. Si stanno facendo scelte di semplificazione: mi riferisco ad esempio ai bandi online, ma dobbiamo fare ulteriori passi. Mi assumo l’impegno di una verifica costante per quanto concerne la semplificazione”.

Della Bianca ha insistito sulla necessità che le differenti piattaforme informatiche riescano a dialogare. In caso contrario, a suo avviso, si verificano lungaggini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.