IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Canoa: Francesca Capodimonte e Alberto Regazzoni convocati per i campionati mondiali

Savona. Francesca Capodimonte e Alberto Regazzoni hanno superato entrambi gli ultimi test svoltisi a Mantova, convincendo pienamente lo staff tecnico nazionale dalla Federazione. Entrambi prenderanno parte ai campionati mondiali in programma in Germania da giovedì 29 agosto a domenica 1 settembre.

Alberto si distingue anche sulla distanza dei 1.000 e acquisisce il diritto di salire sulla barca ammiraglia della federazione, il K4, insieme a Nicola Ripamonti e Albino Massimiliano Battelli delle Fiamme Gialle e Mauro Crenna del Circolo Sestese. Inoltre si ripeterà anche nella staffetta 4×200 metri con i compagni Manfredi Rizza della Canottieri Ticino, Mauro Prafloriani delle Fiamme Oro e Mauro Crenna del Circolo Sestese.

Per il settore femminile, orfano della pluricampionessa Idem, è prevalsa l’idea di portare una squadra di giovanissime, con qualche disappunto da parte delle “anziane”. In questo contesto non poteva mancare Francesca, 18 anni compiuti da poco con un passato da Junior notevole (argento ai Mondiali e bronzo agli Europei). A lei il compito di difendere l’Italia nel K1 200 metri, con l’obiettivo di accedere almeno nella finale B, in considerazione delle avversarie professioniste e decisamente più esperte di lei.

Per Regazzoni il risultato è aperto, tutto è possibile, sperando in una batteria e semifinale favorevoli. Una volta in finale, in considerazione dell’altissimo livello degli equipaggi, si può vincere o perdere per pochi centesimi.

Soddisfazione per lo staff tecnico della canottieri Sabazia, in particolare per la responsabile di settore Laura Bentivoglio (nella foto con i due atleti) e per tutto il consiglio che sta facendo miracoli, senza aiuti specifici, per mantenere questi atleti a grandi livelli.

Incontri con le autorità per salvaguardare questi campioni non professionisti, patrimonio non solo della società, ma anche di Savona, non hanno avuto alcun riscontro tangibile; da mettere in rilievo che la società savonese è l’unico sodalizio in Italia in questa disciplina ad avere due atleti dilettanti in due diversi settori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.