IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bando antichi mestieri e critiche della Lega, Rossetti: “Il Carroccio testimonia assenza di cultura”

Liguria. “L’intervento della Lega Nord, attraverso il suo rappresentante ligure, testimonia la scarsa conoscenza dei problemi e delle questioni e l’assenza di qualsiasi cultura istituzionale”. Lo dice l’assessore al Bilancio, Pippo Rossetti, tirato in causa oggi sulla vicenda del bando per la valorizzazione degli antichi mestieri.

“Il bando in questione – dice Rossetti – è stato voluto e condiviso dalle associazioni artigiane liguri che hanno risposto in modo massiccio e resterà aperto fino a settembre, proprio per consentire a chi è interessato di iscriversi. Ammontano infatti a 6.000 le imprese artigiane interessate”.

“Secondo l’Europa che finanzia questo bando – spiega Rossetti – attraverso gli antichi mestieri può essere dato diritto di cittadinanza ai rom e agli zingari e la Giunta regionale è convinta che la linea dell’integrazione perseguita dalla UE sia giusta ed esprime soddisfazione per il gradimento che gli artigiani liguri hanno più volte manifestato per questo bando che ha segnato un ulteriore passo avanti nella collaborazione tra realizzazione dei progetti formativi, Fondo sociale europeo e il sostegno e il contributo concreto alle imprese”.

“Va precisato comunque – chiarisce l’assessore regionale al Bilancio – che nel bando non esiste una quota riservata per nomadi e rom, né fondi dati alle comunità straniere, perché non sono previsti criteri preferenziali per queste categorie. Il finanziamento è dato alle aziende artigiane iscritte alle Camere di Commercio. Questo ennesima provocazione della Lega, come quelle che hanno animato questa estate contro il Ministro Kyenge, dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, l’assenza di qualsiasi rispetto, oltre alla scarsa conoscenza dei problemi. Ne prendiamo atto, spiace comunque vedere strumentalizzate iniziative che al contrario stanno avendo molto seguito sul territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pinco
    Scritto da pinco

    Assessore, riporto in stralcio da documentazione online sul sito della Regione il comunicato:
    ” Venerdì 05 Ottobre 2012
    Formazione, assessore Rossetti: “La Liguria valorizza gli antichi mestieri. Oltre milioni di euro per nuova occupazione”
    Genova. Due milioni e 270mila euro del Fondo sociale europeo per la valorizzazione degli antichi mestieri e la creazione di nuova occupazione nelle imprese artigiane di qualità. Sono stati stanziati dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore al bilancio e alla formazione, Pippo Rossetti, attraverso un bando approvato oggi e destinato alla formazione di disoccupati e inoccupati, lavoratori in mobilità, rom e sinti e presentato insieme …”
    MI CHIEDO, laddove effettivamente non esista una quota riservata ad alcune etnie, PERCHE’ sia stato PRECISATA E IDENTIFICATA NEL BANDO UNA PRECISA ETNIA, quella ROM E SINTI.
    Cioè, perchè incorrere in questo svarione se non vi era alcun motivo per inserire questa specificazione?
    Qui nessuno è razzista e credo che l’odio razziale appartenga a ben altra cultura ma neppure pare opportuno, specialmente per chi è senza occupazione, dover leggere nel bando una precisa destinazione su base etnica…
    E’ solo una questione di correttezza e null’altro di polemico, credo.
    Permangono invece seri dubbi sui criteri di opportunità e priorità di molti finanziamenti, a fronte delle serie e gravi difficoltà di altri settori. Anche se ai cittadi non è dato conoscere i motivi di priorità per “proteggerli” forse da incomprensioni di una materia così complessa e per la quale occorre una specifica preparazione, mi parrebbe invece OPPORTUNO e CORRETTO dichiarare anche questi criteri con cui vengono destinati denari pubblici.
    Tutto qui.

  2. Scritto da aVV44

    quasi tutte le badanti prendono indennita di disoccupazione ed in nero lo stipendio dai cittadini, ormai tutti i furbacchioni italiani e non, vivono a scrocco sulle spalle di chi paga le tasse. il colmo è che tutti coloro che garantiscono sovvenzioni ed indennità a destra e a manca non hanno mai capito che prima di regalare euri a tutti bisogna fare bene i conti ed evitare furbate. diamo 800 euro a tutti quelli che li chiedono e poi vediamo chi rimane a lavorare. chi prende la disoccupazione si metta a disposizione della comunita dalle 8 alle 19 tutti i giorni della settimana. tutti quelli che prendono 1 stipendio devono lavorare 8 ore e tutti quelli che vogliono la cittadinanza devono parlare bene l italiano, sapere le nostre leggi, avere un lavoro fisso ed una dimora censita. altrienti andiamo avanti alla cazzo e vedrete quanto durera’

  3. pinco
    Scritto da pinco

    Davvero encomiabile l’impegno regionale nello stanziare queste cifre per i più disparati ma utilissimi fini..
    Qui stiamo parlando di 2.270.000 € … con un titolo del bando ” recupero degli antichi mestieri e avvicinare giovani, disoccupati, inoccupati e appartenenti a nomadi di minoranze etniche rom e sinti”. ( domanda ..ma si può dedicare a una sola minoranza etnica una quota riservandola e se non si può perchè è stato scritto nel bando?Questo senza alcuna polemica e cercando di eliminare qualsiasi intento discriminatorio sia in un senso che nell’altro! )
    Poi ci sono stati 1.200.000 € per “progetti di formazione per la riqualificazione di animatori socio-educativi” che si vanno a sommare ai 2.000.000 € per la realizzazione della seggiovia e di un impianto di innevamento artificiale di Monesi… oltre a altri finanziamenti come i 160.000€ per la promozione della cinematografia amatroial, i 148.000 € per il recupero dei sentieri del Parco del Beigua, le milionate di euro per la banda larga per connettere i paesini dell’entroterra..Tutti finanziamenti che sono agli atti e che sono stati ampiamente pubbicizzati.
    Tutte cose utili, iniziative lodevoli anche se in termini di priorità e di opportunità ci si chiede il perchè non si riescano a trovare poche centinaia di migliaia di euro per mantenere in vita servizi e reparti di sanità pubblica, peraltro utili a impedire le fughe sanitarie verso le altre regioni o per evitare un declassamento di un Pronto Soccorso oppure… per comprare la carta per scrivere alle scuole, mentre per altri scopi, chissà come mai, spuntano semopre fuori vagonate di fondi europei disponibili …Davvero un anomalia che la gente non riusirebbe a capire
    Sono semplici domande che la gente si pone a cui non giungono mai semplici risposte.
    Quando sarà ora di votare, ci sarà l’occasione per porre queste domande a chi verrà a bussare chiedendo di riconfermare la fiducia con una croce sulla scheda…come premio per i risultati ottenuti sugli antichi mestieri, animatori, cine,matografia, seggiovie, sentieri, bande larghe e larghissime e molto altro.
    La politica, una certa politica, avrà sempre una risposta a tutto ciò.
    Risposte spesso troppo intelligenti e concetti lungimiranti e programmatori che un semplice e umile elettore non potrebbe capire.
    Motivazioni complesse che al semplice popolano non è dato conoscere appunto per “proteggerlo” dalle cose che non capirebbe o che capirebbe male e che potrebbero ingenerare pericolosissimi populismi e comportamenti antipolitici troppo dannosi (per chi?).

  4. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Non riesco a capire ormai i giornalisti che ci stanno a fare al mondo (non me ne voglia IVG…critica formulata verso tutti i media). Le notizie vengono riportate, spesso prese da altre fonti senza nessuna o quasi verifica. Il giornalista “vero” che scova e soprattutto verifica le notizie non esiste più e qui ne abbiamo la riconferma ennesima…ci voleva tanto ad andare a verificare le parole di Rossetti per poter fare una critica costruttiva sull’argomento e soprattutto per INFORMARE i cittadini ?

  5. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    Alle ore 14:56 scrive : ” Va precisato comunque … che nel bando non esiste una quota riservata per nomadi e rom, né fondi dati alle comunità straniere, perché non sono previsti criteri preferenziali per queste categorie “.
    Alle ore 13:08 Bruzzone scriveva: ” Troviamo tuttavia inaccettabile che, in virtù di posizioni puramente ideologiche, la Regione, nel promuovere questo progetto, portato avanti con i fondi Fse obiettivo Cro 2007-2013, preveda di norma l’obbligatorietà di un numero minimo di posti assegnati a nomadi, rom e sinti” .

    Visto che non ho il tempo di leggermi il bando ed il regolamento, si puo’ sapere se si fanno o meno delle disparita’? E comunque che l’ Europa affermi che attraverso un corso possa essere dato il diritto di cittadinanza a rom e zingari mi sembra un abominio …

    Pare che la cittadinanza italiana non abbia prezzo … nel senso che non valga nulla e che venga o possa venire concessa a cani e porci (modo di dire…).

    La Cittadinanza Italiana da’ molti diritti, anche e soprattuto economici (e chi ci prova ad ottenerla ne e’ perfettamente a conoscenza…) ed altrettanti DOVERI (e qui non gliene frega un ca@@o a nessuno).