IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Labrador ucciso ad Osiglia, Enpa: “Il responsabile potrebbe non fare nemmeno un giorno di carcere”

Savona. L’Enpa di Savona torna sul caso del labrador barbaramente ucciso e annegato nel lago di Osiglia, con l’associazione che, anche grazie all’appoggio di molti cittadini rimasti indignati per l’episodio, si costituirà parte civile nel procedimento penale a carico del responsabile con l’avvocato Lucrezia Novaro. Tuttavia, precisa: “Un vero processo potrebbe anche non celebrarsi mai in quanto il responsabile potrebbe chiedere di definire il procedimento con un patteggiamento (il che gli consentirebbe di fruire di uno sconto di pena, nonché di celebrare il processo in via camerale, quindi non in pubblico)”.

“Inoltre, nonostante le pene siano state recentemente elevate, è ben difficile che l’autore del fatto possa scontare anche solo un giorno di carcere; recentemente però una sentenza della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di un giovane che, dopo essere stato condannato per l’uccisione volontaria del cane di una donna, chiedeva di beneficiare della sostituzione della pena detentiva, sostituzione negata in considerazione della gravità del fatto e delle scarse possibilità di recupero sociale di un uomo che avesse agito con tanta crudeltà (nella fattispecie uccise il cane con un calcio allo sterno)” spiega ancora l’associazione savonese.

Recentemente sul caso del labrador ucciso ad Osiglia si era pronunciata anche l’ex ministro Brambilla a ad Alassio per la presentazione del suo “Manifesto Animalista”, affermando che la legge prevede anche una condanna fino a due anni di carcere per brutali uccisioni di animali.

“L’Enpa proseguirà comunque la sua battaglia fino alla fine… – conclude l’associazione savonese -. L’iniziativa legale è finalizzata a rimarcare come il fatto accaduto sia di una gravità tale da non passare in secondo piano, neppure quando il trascorrere del tempo attenuerà i clamori odierni ed il colpevole invocherà tutti i benefici concessi e concedibili dalla legge; legge che, seppure migliorata con le modifiche introdotte nel 2004, necessita ancora di ulteriori miglioramenti che elevino gli animali al di sopra delle semplici ‘cose’, come esige la crescente sensibilità dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Evangelizzatore deve essere masochista: non ti vanno le nostre indignazioni? Ti danno fastidio? E allora che lo leggi a fare questo argomento? Sei formidabile!

  2. Scritto da mrscultz

    Io lo dissi già dal primo giorno.

  3. Scritto da Evangelizzatore

    Ribadisco. Amo gli animali. Odio la violenza sugli animali. Sono contro all’abbandono. E’ un atto vergogno. Ma non è possibile si parli ogni giorno dello stesso episodio. Sembra la TV spazzatura che ogni giorno ci fa vedere lo zio michele.

  4. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Giusto !!!!

  5. Scritto da denis

    …Condivido in toto quanto asserito dal Conte Uguccione…..
    Aggiungo :
    Gandhi affermó che il grado di civilizzazione di un popolo lo si conosce attraverso il comportamento che lo stesso ha nei confronti dei suoi animali….

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.