IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Labrador incaprettato e gettato nel lago, Buzzi (Enpa): “Spesso le persone non testimoniano per reati che toccano gli animali”

Osiglia. Ancora sgomento ed incredulità per la triste fine del cucciolo di Labrador, gettato nel lago di Osiglia con le zampe anterioriori legate al collo e lì annegato. Sono in corso indagini per identificare il responsabile dell’azione brutale anche se, come è noto, non è mai semplice risalire all’autore di maltrattamenti e atrocità nei confronti degli animali.

Labrador

“La percentuale di successo in queste inchieste è molto basso: ovviamente per la tipologia delle vittime, ma anche perché chi ha assistito spesso non ha lo scrupolo morale di testimoniare. Gli animali non possono parlare. Le persone non testimoniano per i reati che coinvolgono gli umani, ancor meno per gli animali. Ma ogni tanto qualche responsabile si trova e si punisce” commenta Gianni Buzzi, vice presidente dell’Enpa savonese.

La Protezione Animali, condannando il terribile accaduto, ancora una volta cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica: “D’estate ci si occupa molto spesso degli abbandoni, mentre sono in calo per fortuna da molti anni. Invece ci si trova di fronte a maltrattamenti anche gravi, come quello del lago di Osiglia. Possiamo anche ricordare altri episodi, come i presunti riti satanici con l’uccisione di una gallina e la tentata uccisione di un’oca a Spotorno, o un gabbiano preso a pietrate davanti all’isola di Bergeggi, e via dicendo” afferma Buzzi.

“La nostra Riviera – prosegue – viene prese d’assalto dai turisti e, se la maggior parte ha atteggiamenti di rispetto per gli animali, qualcuno ha invece comportamenti molto brutti. I vandalismi che avvengono sulle spiagge sono notevoli, diffusi e micidiali. Abbiamo calcolato che lungo le spiagge vengono uccisi 12 milioni di piccoli animali, dai granchi ai ricci ai pesci. La cosa viene desertificata. Si può andare a spiaggia senza uccidere gli animali: si ristabilirebbe così un ambiente molto più bello ed apprezzato, soprattutto dai turisti”.

Ad Osiglia il povero cucciolo è stato legato, quindi gettato nel lago probabilmente dal ponte Manfrin. La carcassa è stata notata da alcuni pescatori che hanno avvertito il Comune, e sul posto sono intervenuti vigili del fuoco e polizia municipale. L’appello dell’Enpa è quello di rivolgersi alle istituzioni: “Non ci sono solo la Protezione Animali e le guardie zoofile a vigilare: la competenza sui maltrattamenti degli animali spetta a tutti gli organi di polizia, dai vigili urbani alla guardia forestale, dalla polizia ai carabinieri, dalla finanza alla polizia provinciale. La gente giustamente viene sempre da noi, ma ricordiamo che ci si può rivolgere alle forze dell’ordine che, hanno molto da fare sì, ma comunque sono tenute ad intervenire” conclude Gianni Buzzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Spero che una volta identificato l’autore del gesto, qualcuno lo chiuda in un sacco (vivo) e lo butti in uno stagno.

  2. Bandito
    Scritto da Bandito

    Potremmo vedere se il proprietario del cane è capace a nuotare…con gli scarponi di cemento.

  3. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Ma chi è questa brava personcina???
    Lo avrà fatto altre volte ???

  4. A-Mika
    Scritto da A-Mika

    Pare che il proprietario sia stato identificato ma…. Non si ricorda a chi abbia dato il cane… Guarda caso..,ma ad una risposta del genere, voi che fareste…

    se il proprietario è stato identificato E NON SI RICORDA A CHI HA CEDUTO IL CUCCIOLO… BENE… PAGHI TU PER LUI MIO CARO… SECONDO ME LA MEMORIA TI TORNA E SE NON TORNA LA PROSSIMA VOLTA INFORMATI MEGLIO SULLE PERSONE ALLE QUALI CONSEGNI UN CANE,,, DEMETE QUANTO LUI…

  5. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Il responsabile del cane e’ il proprietario
    Se non lo voleva essere, doveva preoccuparsi di cambiare nome al momento del “doni”……
    Striscia dove sei?????

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.