IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Made in Italy punta sulla Russia: un convegno alla Camera di Commercio di Savona foto

Savona. La creatività italiana merita e richiede tutela. Il “sistema moda”, occhiali, caschi, dispositivi elettronici e digitali, l’agroalimentare di qualità è, in Europa, sotto l’ombrello protettivo del marchio comunitario. Così come il settore medico, il packaging, l’automotive si sono visti riconoscere il brevetto Ue. Il problema è che la prolungata difficile congiuntura ha finito col rallentare il ricorso alla brevettazione.

Un dato negativo che rischia di provocare gravi danni all’economia nazionale in quanto il deposito di brevetti e marchi è fondamentale per proteggere il Made in Italy nel mondo contro le azioni di contraffazione, che riducono sia la competitività delle imprese, la sicurezza dei prodotti e comprimono le entrate fiscali.

Per contrastare questi fenomeni e dare sostegno alle imprese, la Camera di Commercio di Savona, in collaborazione con Unioncamere e con la Direzione generale per la lotta alla contraffazione del ministero per lo Sviluppo Economico, organizza una serie di eventi di informazione e consulenza sulla tutela dei marchi, dei brevetti e della proprietà industriale.

La prima iniziativa è in programma giovedì 18 luglio, con inizio alle ore 14,30, nella Sala Magnano della sede camerale di via Quarda Superiore 16, ed avrà per tema la tutela del Made in Italy con un focus particolare sulla situazione nella Federazione Russa.

Il programma, dopo i saluti del presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, è articolato sulle relazioni di Daniela Barlocco, dello Studio legale Karaghiosoff e Frizzi (“Inquadramento generale e linee guida per la protezione di brand e prodotti “Made in Italy”), degli avvocati Cristina Martinetti e Maria Elena Giorcelli (“La vendita internazionale, Convenzione di Vienna del 1980”, “Redazione delle principali clausole da introdurre nelle condizioni generali di vendita”, “Principali clausole che interessano il settore alimentare”).

Alle 17 spazio al “focus” sulla Russia, affidato alla consulente legale della Camera di Commercio Italiana a Mosca, Eugenia Podmareva, che parlerà dei problemi relativi all’importazione dei prodotti italiani in Russia, alla certificazione e sdoganamento dei prodotti Made in Italy ed alla tutela della proprietà industriale in Russia. Ultima relatrice Eleonora Battistelli, che illustrerà il progetto sperimentale rivolto a creare un “corridoio verde” doganale tra l’Italia e la Russia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.