Finale, omaggio ai Beatles ai Chiostri di Santa Caterina - IVG.it

Finale, omaggio ai Beatles ai Chiostri di Santa Caterina

BEAT_foto_scena

Finale L. L’Officina Per la Scena di Torino è ospite del Comune di Finale Ligure con “Beat, Beatles esistenze a tempo”, spettacolo sui Beatles e gli anni ’60 che andrà in scena in prima regionale lunedì 22 luglio alle ore 21 ai Chiostri di Santa Caterina a Finalborgo.

Presentato in più occasioni in Piemonte (in ultimo al Torino Fringe Festival), lo spettacolo ha avuto un ottimo riscontro di critica e pubblico.

“Quel che proponiamo è una serata piacevole tra storia e musica. – dicono all’O.P.S. – Vogliamo far sentire il battito di una generazione e dei suoi miti, esistiti in un tempo ma resistenti al tempo, attraverso gli occhi dei figli di quegli anni: noi che non c’eravamo, ma che ne abbiamo ereditato miti e conseguenze. Tutto questo con ritmo rapido e leggero, proprio come una canzone dei Beatles”.

Il 5 ottobre 1962 la EMI britannica pubblica un singolo dal titolo “Love me do”, il primo 45 giri di un gruppo sconosciuto. È l’inizio dell’era Beatles. A cinquant’anni esatti dall’uscita di quel singolo, i Beatles rimangono per la rivista Rolling Stones il gruppo musicale più importante e influente del XX secolo. Secondo stime del Guinness dei primati, è il complesso musicale di maggior successo di sempre, con oltre un miliardo di dischi venduti. Gli anni Sessanta sono il decennio caratterizzato dal più importante rinnovamento generazionale che il secolo scorso abbia mai visto. Gli eventi socio-politici e culturali di quegli anni avrebbero infatti inevitabilmente influenzato e modificato profondamente valori, aspirazioni e stile di vita delle future generazioni.

“In un periodo di crisi economica, sociale e culturale, in anni dove l’arte e la cultura non sono più considerati dei valori, la chiave con cui pensiamo a quel decennio è il mutamento, il cambiamento, la ‘rottura’. – aggiungono all’O.P.S. – Vogliamo parlarne oggi, per analizzare il passato con la speranza di modificare il futuro. Lo spettacolo vuole raccontare la storia dei Beatles per tappe fondamentali: l’uscita del primo singolo e lo sbarco in America, l’India e gli anni dell’impegno sociale fino allo scioglimento del gruppo, che stranamente coincide con la fine di un’epoca. L’atterraggio sulla luna, la lotta per i diritti civili, Bob Dylan fischiato a Newport, l’assassinio di Che Guevara, accompagnano otto anni di storia di quattro capelloni che hanno contribuito a cambiare il mondo. 1962-1970: la nostra personale raccolta dei più o meno grandi successi dei Beatles, alcuni riarrangiati per quattro voci sole”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.