IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Oggi i funerali dell’anziano investito dal carabiniere “savonese”: tra la folla potrebbe esserci anche lo stesso militare

Savona. Si svolgeranno questa mattina in Duomo, alle ore 10, i funerali di Nicolino Squillaci, l’anziano investito in via Boselli, a Savona, dalla due ruote guidata da Fulvio B., il carabiniere il forza alla Compagnia di Savona e in quel momento fuori servizio, che è poi risultato ubriaco e con tracce di cocaina nel sangue.

Potrebbe esserci anche lui al funerale del pensionato travolto lontano dalle strisce pedonali mentre attraversava dal marciapiede del negozio Carlevarini a quello di fronte, della gioielleria De Stefano. “Vorrei abbracciare i suoi familiari” ha detto il militare che ha parlato con alcuni quotidiani. L’uomo si sarebbe dimostrato pentito del suo gesto, avrebbe raccontato di aver festeggiato il suo compleanno bevendo qualche bicchiere in più, ma non riuscendo a fornire una spiegazione per le tracce di cocaina trovate nel sangue (“Non so come sia possibile, sono un donatore di sangue” ha detto).

“Penso sempre all’uomo che ho investito” sono le parole del carabiniere che ora deve affrontare le accuse di omicidio colposo, guida in stato d’ebbrezza, e la cui carriera militare rischia di essere definitivamente compromessa.

Fulvio B. guidava inoltre uno scooter privo dell’assicurazione e, davanti alle richieste della polizia municipale nei minuti successivi all’incidente, si è rifiutato di sottoporsi all’alcoltest, per poi essere portato in ospedale dai suoi colleghi. Qui ha dato nuovamente in escandescenza prendendosela con i presenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. wolf
    Scritto da wolf

    @pepe : ha ragione ma sinceramente non comprendo quest’odio nei confronti delle forze dell’ordine…. Sembra di essere tornati negli anni 70 ….

  2. Scritto da pepe bianco

    @wolf: non ci faccia caso, tutti quelli che hanno discusso in merito a questa vicenda desiderano esclusivamente una testa da decapitare in pubblica piazza. Ho provato a discutere, su altri articoli, con alcuni di loro, ma la cosa non si è rivelata ostica bensì inutile.

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Il problema è che chi svolge “senza divisa” alcune attività relativamente pericolose deve fare periodici controlli ….. chi svolge “con divisa” attività probabilmente più pericolose ….
    “pare”
    Non sia tenuto a controlli dello stesso tipo.
    .
    Ecco questo non va bene ..senza accusare nessuno in particolare ….. ma le istituzioni che permettono queste anomalie.
    .

  4. wolf
    Scritto da wolf

    @El Rey : lei è libero di credere ciò che vuole ! Ciò che penso l’ho detto e sul fattore che io sia un appartenente alle forze dell’ordine non fa alcuna differenza, sono un uomo e come tale ho libertà di pensiero e di parola!!! Cerco solo di essere giusto e non parlare a sproposito

  5. Scritto da El Rey del Mundo

    La ringrazio agente @Wolf, ha fatto bene a specificare il suo pensiero perchè, davvero, era molto equivocabile.
    Vorrei specificare che io non ho nulla contro l’Arma nè contro le Forze dell’Ordine che ogni giorno lavorano in mezzo a tizi e situazioni davvero poco raccomandabili per assicurare i delinquenti alla giustizia (che poi li grazia quasi sempre in barba al Vostro lavoro).
    Comunque qui tutti sono Carabinieri, e si qualificano pure.
    A questi punti io potrei dichiarare che sono il figlio di Frank Sinatra intanto chi potrà mai verificarlo.
    Un detto dice anche: “siamo tutti bulicci con il cul@ degli altri”.