IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Funerali dell’anziano travolto dalla moto del carabiniere, il parroco: “Tanto male potrebbe essere evitato se fossimo più attenti”

Savona. Una cerimonia intima, con parenti e amici venuti a salutare per l’ultima volta Nicolino Squillaci, il 78enne travolto e ucciso sabato scorso in via Boselli, a Savona, dallo scooter guidato dal carabiniere Fulvio B., ora indagato per omicidio colposo e guida in stato d’ebbrezza.

A rappresentare l’Arma vi è il maggiore Orlando Pilutti, comandante della Compagnia di Savona dove il militare coinvolto nell’incidente prestava servizio come carabiniere di quartiere. Il maggiore è sempre stato accanto ai familiari della vittima, e ha assicurato che saranno presi i provvedimenti adeguati nei confronti del responsabile di quella tragedia.

I funerali di Squillaci si sono svolti in Duomo, a Savona, lontano dalle grandi folle ma in un clima intimo e riservato. Un dolore composto quello dei parenti del pensionato investito mentre attraversava la strada dal marciapiede del negozio Carlevarini a quello di fronte, della gioielleria De Stefano. A travolgerlo la due ruote del carabiniere, risultato ubriaco e con tracce di cocaina nel sangue. Quest’ultimo si è detto disperato per il suo gesto e ha espresso la volontà di abbracciare i familiari dell’anziano, anche se oggi non era presente ai funerali.

Queste le parole del parroco nel corso dell’omelia: “E’ una morte avvenuta in modo doloroso e tragico. Ma ora è un momento di speranza e di carità. Che la morte sia un fatto proprio della vita degli uomini è risaputo, ma il fatto che sia un’esperienza comune non vuol dire che alleggerisca questa esperienza: resta uno scandalo, una pietra messa sul sentiero su una strada… quella su cui si inciampa”.

“Quando gli dissero che Lazzaro era morto, anche Gesù fremette: fu un moto di dolore e di protesta profondo – continua il sacerdote – La morte è sempre una violenza, siamo fatti per vivere non per morire. La morte nel suo aspetto doloroso coinvolge tante persone, come chi è stato legato dall’affetto con la persona cara. La morte è distribuita a piene mani nel mondo, ma è un bene che quando veniamo coinvolti in questa esperienza proviamo forti sentimenti e non indifferenza. Questo è già un richiamo profondo rivolto a tutti noi, e che ci invita ad essere attenti nel vivere con gli altri e a pensare alle conseguenze dei nostri gesti. Tanto male potrebbe essere evitato se fossimo più attenti. Ogni morte ci dà una lezione”.

“Bisogna vivere la vita in positivo seppur provati, perché il dolore è il segno di un amore vissuto che ci ricorda che ci siamo formati in compagnia di qualcuno. Il dolore allora diventa gratitudine e riconoscenza. La fede ci da’ un supporto notevole in questo perché lo stesso Gesù ha provato lo scandalo della morte. Bisogna andare avanti con coraggio nonostante tutte le difficoltà. È un’esperienza dolorosa della vita che trova spazio nella Chiesa di Dio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. paolo065
    Scritto da paolo065

    non trovo le parole , ste cose mi fanno tristezza e rabbia … che schifo

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Patente scaduta …. Questa poi …..
    I dipendenti dello Stato a vario titolo dovrebbero rendere servizi a cittadini e non vessarli continuamente …..
    Quando si prende la patente … Ne si conosce già la scadenza …
    Lo Stato sa perfettamente dove abita il possessore di quella patente …
    non serve una grande intelligenza per invitare il possessore di quel documento in procinto di scadere alla visita di controllo ….. Si presenti il giorno tale all’ora talaltra munito di patente e …. Quanto necessario per la visita di controllo ….. Oppure provveda lei … a sue spese a tale visita … Entrò il. ……..
    .
    Mi capito di viaggiare per nove mesi con patente scaduta …. poi a Fiumicino stavo noleggiando una vettura ma …… L’addetto mi segnalò il fatto …….. e presi un taxi ……
    .
    Ma capita anche con alcune vaccinazioni periodiche. ….talvolta lo Stato avverte per tempo altre volte se ne frega ……… ecco dovrebbe avvertire sempre ….. (o licenziare un po’ di dipendenti statali che operano male).
    .
    Se uno gira con patente scaduta ….. Bisogna indagare ….. è stato avvertito ? Se si allora va punito ….. Se no allora bisogna ambire in modo differente …………
    .
    Lo Stato deve cominciare a comprendere che ci deve aiutare a crescere ….. non spremere.

  3. Scritto da simo83esse

    @wolf no l Italia va male per gente come il tuo collega e chi sa quanti altri come lui….

  4. wolf
    Scritto da wolf

    @Pensiero libero: il problema è che per guida con patente scaduta non vi è il sequestro del veicolo….. L’Italia va male perché gente come te parla a sproposito

  5. alberto.peluffo
    Scritto da alberto.peluffo

    Un incidente può capitare a chiunque, ma non in quelle condizioni! Mi chiedo se non sarebbe opportuno sottoporre regolarmente chiunque usi un’arma a controlli psicofisici: non è la prima volta che un rappresentante delle forze dell’ordine ha comportamenti anomali; un test periodico aiuterebbe a prevenire tragedie e a rendere più affidabile chi indossa una divisa.