IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carabiniere investe e uccide anziano, comandante Aloi: “Stato di alterazione e velocità eccessiva: dinamica chiara” foto

Savona. 3,08 g/l: questo il valore esatto che quantifica il livello di alcol presente nel sangue di Fulvio B., il carabiniere 48enne che sabato ha investito e ucciso Nicolino Squillaci, 78enne savonese, che attraversava la strada in via Boselli. Insomma, ben oltre rispetto al limite previsto, e che è di 0,5 g/l. Non solo: è confermato che il militare – in forza presso la Compagnia dei Carabinieri di Savona e al momento dell’incidente fuori servizio – fosse sotto l’effetto di cocaina.

Savona via Boselli incidente carabiniere-anziano

A svolgere le indagini sull’accaduto e a ricostruire l’esatta dinamica dei fatti è la polizia municipale di Savona. “Ciò che è accaduto è sufficientemente chiaro – dice il comandante Igor Aloi – Mancano ancora all’appello le immagini di alcune telecamere private della zona che serviranno a dare ulteriori elementi di valutazione. I fatti si sono comunque svolti così: c’è stato un impatto col pedone che attraversava lontano dalle strisce pedonali; l’impatto è stato violento, e tutto fa pensare che la velocità non fosse commisurata alle condizioni di traffico e alla presenza di attraversamenti pedonali in zona. Ora dobbiamo ancora ascoltare alcuni testimoni, dopodiché chiuderemo il tutto”.

“Il carabiniere era sotto l’influenza di sostanze alcoliche e stupefacenti, la velocità del mezzo che guidava era eccessiva, e ciò si vede chiaramente dalle tracce lasciate dal veicolo sull’asfalto – continua Aloi – Le indagini saranno comunque completate tra qualche giorno”. Si è anche parlato di una manovra improvvisa dell’investitore: “Vi sono ancora alcuni particolari da verificare, poi tireremo le somme”.

“La circostanza gravissima – conclude Aloi – è quella che ha visto un uomo perdere la vita. Vi sono due drammi in corso: quello che riguarda il conducente del mezzo e quello purtroppo irreversibile della vittima”.

Il carabiniere era dunque in stato alterato quando, a bordo della sua Aprilia Leonardo – che è risultata priva di assicurazione – ha travolto il 78enne che stava attraversando la strada lontano dalle strisce pedonali. Un impatto violento che, dopo 5 ore di cure da parte dei soccorritori, ha portato il pensionato alla morte.

Il militare ha poi rifiutato di sottoporsi all’alcoltest, ed è stato calmato con l’arrivo di alcuni colleghi che lo hanno portato in ospedale, tra le proteste di molti testimoni che temevano un presunto trattamento di favore. Qui l’uomo avrebbe ancora dato in escandescenza. Nei suoi confronti, al momento, c’è una denuncia per omicidio colposo e un procedimento disciplinare da parte dell’Arma.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    La differenza sostanziale sono le iniziali, ( a me avrebbero messo anche luogo di residenza) e così , per curiosità , a che ora avrebbe dovuto prendere servizio????
    Onore comunque a tutti i CC che ci proteggono e sono la maggior parte!!!!!!!!
    Rischiano la vita per noi per pochi euro, e si devono ripulire la faccia a causa si certe persone
    Fossi loro, chiederei i danni …..

  2. JackRusselTerrierSavona
    Scritto da JackRusselTerrierSavona

    Sono fiorista….mi esasperano solo alcuni utenti noti che sono anarchici e matematicamente contrari all’operato di una divisa, in qualsiasi contesto.
    ORA IN QUESTO CONTESTO RITENEVO SOLAMENTE UTILE NON GENERALIZZARE A 360 GRADI!
    Il risultato è che sono tacciata per drogata e alcolizzata …. Mah…

  3. Scritto da El Rey del Mundo

    3,08 g/dl d’alcol nel sangue del Carabiniere?
    Pazzesco…roba da coma etilico.
    La coca lo rendeva sveglio (per modo di dire).
    L’assicurazione mancava.
    Se lo scooter era rubato avrebbe fatto l’enplein!
    Inoltre poi ha dimostrato anche di essere aggressivo sia al Pronto Soccorso sia durante il ricovero.
    E la cosa che mi fa rabbrividire è che persone in questi stati psico-fisici alterati hanno una rivoltella d’ordinanza sotto la giacca o comunque appresso anche fuori servizio sempre a portata di mano, carica magari con 16 colpi automatici (Beretta) oppure con una Magnum 44 che se ti centra ti fa dei buchi larghi come uno scolapasta.
    Complimenti.
    Pauroso!

  4. pepper71
    Scritto da pepper71

    Due parole andrebbero spese per quel poveretto che non c’è piu’ assassinato da chi era pagato per vigilare sull’incolumità dei cittadini…riposa in pace Nicolino…schiatta in galera infame assassino !!!!!!!

  5. sverige
    Scritto da sverige

    ….ubriaco,cocaina,senza assicurazione….ma che ci faceva questo nei Carabinieri????