Arresto scippatore Albenga, Guarnieri: "Grazie alle forze dell'ordine, ma ora deve restare in carcere" - IVG.it
Cronaca

Arresto scippatore Albenga, Guarnieri: “Grazie alle forze dell’ordine, ma ora deve restare in carcere”

guarnieri sanità

Albenga. “Che sia rimpatriato o consegnato alle patrie galere. In ogni caso, che non torni a piede libero: il nostro territorio non ha bisogno di certi individui”. E’ questo il commento a caldo del sindaco di Albenga Rosy Guarnieri, dopo l’arresto dello scippatore che ha colpito negli ultimi giorni nella città delle Torri.

“Esprimiamo soddisfazione per l’operato delle forze dell’ordine. Ci auguriamo che questo personaggio abbia abbastanza precedenti che, sommati, lo portino alla condanna, così che se lo possano tenere per un po’ di tempo. Abbiamo appreso che era uscito da poco dal carcere: mi chiedo per quale motivo, dal momento che la nazionalità è certa, non sia stato rimpatriato” prosegue Guarnieri.

“Questo arresto è frutto dell’ottimo lavoro del maxi intervento interforze effettuato giovedì, organizzato con tutte le forze di polizia, elicotteristi compresi, che ha portato a significativi risultati. Da parte dell’Amministrazione, un grande apprezzamento all’operato del Commissario Aricò, al Capitano Colongo, e a tutti i loro uomini. Un ringraziamento particolare anche al Comandante Noé e alla nostra Polizia Municipale, che ha avuto un ruolo importante in questa operazione. Questo genere di interventi fa senza dubbio bene in termini di sicurezza e di percezione della stessa: sono state identificate cinquanta persone e individuati alcuni irregolari, in parte inviati ai CIE, mentre uno ha dimostrato la regolarità della permanenza poiché coniugato con una cittadina italiana” aggiunge il sindao di Albenga.

“Nonostante le grandissime difficoltà nel dare vita a operazioni di questo tipo, che coinvolgono molte forze di polizia, non viene mai meno l’impegno e la voglia di migliorare il livello di sicurezza e quindi la qualità di vita tutta dei nostri cittadini. Il programma prevede ulteriori successivi interventi, per tutta l’estate, a maggiore garanzia dell’ordine e della sicurezza pubblica. I risultati sono evidenti a tutti, in un momento di particolare crisi e sofferenza, con conseguente aumento di attività non lecite. Di fronte a queste nuove esigenze, dobbiamo essere pronti a contrastare questi fenomeni, perché purtroppo il turismo sul nostro territorio non è solo balneare, culturale, sanitario, ma spesso anche di natura criminale: alle volte si accertano atti criminosi di persone che, pur risiedendo altrove, vengono sul nostro territorio per perpetrare reati e poi ritornare in altre città. Molte identificazioni dimostrano che anche la clandestinità non ha barriere, e Albenga, quale comune capofila che fornisce molti servizi, è anche oggetto di continua frequentazione. Ecco perché non abbasseremo la guardia” conclude Rosy Guarnieri.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.