Economia

Un anno di McDonald’s a Savona, tempo di bilanci: 800 mila acquisti, 200 chili di patatine al giorno

Savona. Tempo di bilanci per il McDonald’s nell’area delle Officine, che festeggia il suo primo compleanno. Con sorprese per chi, all’inizio, pensava che il suo insediamento potesse scontrarsi con l’indifferenza dei savonesi verso i fast food. La struttura, infatti, registra numeri che la rendono uno dei posti più gettonati nella città della Torretta: in dodici mesi sono passati 800 mila clienti, per una media di 2200 al giorno. Al McDrive per un panino o un menù al volo sono transitati 90 mila tra macchine e moto.

Nel punto savonese della catena lavorano attualmente 36 persone, 28 part time e i restanti a tempo pieno. Per l’estate sono previste 4 o 5 assunzioni. Per dare l’idea del regime di vendita del McDonald’s savonese basti pensare che si friggono 200 chili di patatine al giorno.

Il panino più apprezzato è il Cheeseburger: ne sono stati mangiati 115 mila in un anno a Savona, anche per il loro prezzo… appetibile. Gli Happy Meal venduti con giochino incluso sono stati 70 mila, le insalate 15 mila, mentre i caffè consumati nell’area Café, appunto, sono stati 90 mila. Il flusso d’attività rende la struttura savonese ideale per testare il feedback dei clienti sui nuovi prodotti in fase di lancio della catena.

“I numeri sono alti ed interessanti – commenta Filippo Parodi, licenziatario di Genova e Savona – McDonald’s ha sempre detto sì ad aprire Savona, ma all’epoca si trattava di trovare la location adatta. Nel posto sbagliato diventerebbe difficile far tornare i numeri. Qui invece i numeri ci sono stati e ci sono. Lavorano 36 ragazzi, che diventeranno una quarantina d’estate”.

“Siamo soddisfatti dei numeri di vendita. Sembrano impressionanti se snocciolati così, ma sono quelli propri della ristorazione veloce. Abbiamo aspettato prima di avviare Savona, per trovare il luogo giusto, ma ora siamo contenti. Savona è una della località test in questo momento. Apriamo già alle 7 del mattino per le colazioni tradizionali, ma da oltre un mese anche con quelle salate, quindi i nostri panini classici o uova con il bacon. Da oggi poi, come sanno tutti dalla pubblicità nazionale, si parte anche con la collaborazione con Barilla per servire la pasta; una nuova proposta con un grande produttore del Made in Italy” conclude Parodi.

Quanto ad una possibile apertura nel ponente, a Ceriale in particolare, la casa madre non ha ancora intenzione di autorizzare l’investimento. Anche in questo caso, come accaduto per la zona savonese, lo studio del bacino d’utenza e la scelta del punto geografico più consono non sono ancora arrivati ad una soluzione.

leggi anche
Generica
Parola all'esperto
Il pediatra Ferrando: “Per i bambini il Covid è simile a tanti altri virus, al tampone non c’è alternativa”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.