Cronaca

Patenti facili con sostituti all’esame, l’avvocato difensore: “Erano iscritti che portavano avanti la pratica per conto loro”

Ponente. “Non erano persone che agivano per conto dell’autoscuola, ma a titolo privatistico”. Questa la difesa dei titolari dell’autoscuola Marziano, condotta dall’avvocato Marco Ballabio. “Se ci sono persone che hanno dato gli esami facendosi sostituire da altri, lo hanno fatto riassumendo la pratica che la scuola aveva soltanto istruito” precisa il legale.

Sono sei le persone indagate, tra le quali un medico, nell’inchiesta della polizia stradale partita dalle segnalazioni della Motorizzazione sulla incongruenza tra le foto (apposte sui fascicoli in diversi momenti della pratica) e gli esaminandi che materialmente si presentavano al test teorico per la patente di guida.

Secondo gli accertamenti della polstrada, all’esame di teoria alcuni candidati si facevano sostituire da altre persone e, una volta che queste avevano sostenuto positivamente la prova, sui documenti venivano sistemate le foto dei veri candidati. Ora le tre sedi dell’autoscuola Marziano, a Ceriale, Loano e Pietra Ligure, sono state sottoposte a sequestro preventivo.

L’avvocato Ballabio spiega: “Dopo l’iscrizione, queste persone si erano riprese le loro pratiche per poi procedere da soli. Da quel momento l’autoscuola non c’entrava più nulla. Erano sì pratiche istruite dalla scuola guida, ma poi gli esami venivano sostenuti in modo privatistico”.

Procura e polizia stradale stanno proseguendo indagini e perquisizioni. “Anche quando sono stati acquisiti documenti presso l’autoscuola, sono state contestate solo imperfezioni formali” conclude l’avvocato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.