Politica

Elezioni, “Progetto Alassio”: “Con noi il vero rinnovamento, dopo 20 anni di buio”

Incontro progetto Alassio

Alassio. “Gli ultimi vent’anni hanno visto Alassio passare da essere una delle città più gettonate, più belle e più famose trasformarsi in un paese come tanti altri. Abbiamo perso residenti, hanno chiuso i cinema, le numerose sale da ballo, gli alberghi ed ora stanno chiudendo anche bar e negozi. La “perla della riviera” è oggi una copia stropicciata di ciò che fu e che immagino sarà se a questa tornata elettorale i cittadini decideranno di tagliare netto con il passato”. Così l’ultimo appello al voto per Piera Olivieri sindaco e la lista “Progetto Alassio” da parte del candidato Giorgio Schivo.

“Oggi abbiamo il Molo chiuso, lo stadio inaugurato in pompa magna chiuso, il turismo che non dà più la risposta economica adeguata, le scuole che cadono a pezzi, i conti del comune in una situazione disperata e soprattutto la città che in uno stato di abbandono. E’ il giusto epilogo di vent’anni sbagliati, l’epilogo che solo cinque anni fa sembrava impossibile e oggi lascia Alassio a un bivio: continuare in questa direzione oppure con Progetto Alassio riprendere il cammino abbandonato vent’anni fa”.

“E’ il momento di chiudere, è il momento di pensare che la situazione di abbandono in cui è Alassio ora non sia l’unica soluzione ma una soluzione condotta dalle precedenti amministrazioni. Progetto Alassio ha avuto l’insegnamento su cosa non bisogna fare e su come non bisogna amministrare ed ora è il momento di riprendere in mano la città e ripartire da Alassio. Dopo tanti anni abbiamo una soluzione e una valida soluzione per chiudere col passato e ripartire, così da consegnare alla storia questi vent’anni che hanno condotto ad Alassio come è oggi. A chi Alassio va bene così, a chi Alassio piace così come è oggi può votare le altre liste, chi invece non vuole Alassio in questa condizione di abbandono deve votare Progetto Alassio” conclude Schivo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.