Tende e ombrelloni al Florida, Pastore: “Anche i finalesi non sono forse fuori norma?”

yuri pastore

Loano. Smonterà le tende e cambierà il colore nero degli ombrelloni Yury Pastore, titolare dei Bagni Florida a Loano, ma muove alcuni “appunti” sui regolamenti e sulla disparità di applicazione sul territorio.

“Il Comune non fa altro che rispettare le regole imposte dalla Regione. Nello specifico si tratta di un’ordinanza della procura, secondo la quale tutti i dehors devono rispettare certi parametri. Partendo dal presupposto che non si tratta di regole imposte dalla natura (come il sorgere del sole) ma da persone e quindi modificabili, mi chiedo perché il Comune di Finale Ligure non segua le stesse direttive. Perché ai commercianti di Finale è concesso di lavorare con qualsiasi condizione climatica, mentre noi loanesi dobbiamo sempre pregare che ci sia il sole e non si alzi il vento?”.

“Non sono forse anche loro (i finalesi) fuori norma? – prosegue Pastore – A questo quesito non saprei rispondere, resta il fatto che se a qualcuno è concesso di trasgredire o di lavorare in condizioni migliori, mi pare logico che possano farlo tutti. Nessuno escluso. E chi pagherà gli introiti persi a causa della mancata tempestività dei controlli? Intendo dire…se un locale ha lavorato per 5 anni trasgredendo alle regole, senza ricevere controlli da chi aveva il compito di vigilare…”.

“Chi risarcirà – conclude – i locali che, senza questo beneficio, hanno certamente subito un danno economico?”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.