Trappole per i bikers sulle Manie, non solo tavolette chiodate: trovato un laccio teso - IVG.it
Cronaca

Trappole per i bikers sulle Manie, non solo tavolette chiodate: trovato un laccio teso

Laccio teso bikers Manie

Finale Ligure. Non solo tavole chiodate, ma anche lacci tesi. Il pericolo è alto nella zona delle Manie per colpa di ignoti che hanno piazzato trappole per i bikers che frequentano l’entroterra finalese. Oltre alle tavolette con i chiodi, già documentate ieri, è stato rinvenuto un laccio da parte a parte ad altezza testa in località Cian Merlino. Fortunatamente di plastica. Anche in questo caso è stata fatta segnalazione ai carabinieri della stazione di Finale Ligure. Ma si teme che non sia l’unico piazzato nell’area.

Le tavolette chiodate sono state trovate sul sentiero segnato triangolo pallino (discese Ruggetta e Campo Rotondo). Le trappole sono nascoste da foglie e fissate a terra perché non si muovano, collocate in posti dove i passaggi sono obbligati è dove c’è possibilità di farsi male. Quindi, si tratta di persone che hanno agito con l’intento deliberato di nuocere a bikers ed escursionisti.

C’è chi sostiene che dietro alla “semina” di chiodi e vetri ci siano alcuni dei proprietari di terreni che, come è noto, non vedono di buon occhio il passaggio dei ciclisti. Ma sinora nessun “installatore” di trappole è stato colto in flagrante.

Sta di fatto che è salito il livello di guardia in vista della 24 Ore di Finale, che si terrà tra poco più di un mese, ma soprattutto in vista della tappa del campionato del mondo di superenduro che si correrà in autunno proprio sui sentieri finalesi.

Leggi le dichiarazioni degli organizzatori della 24h di Finale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.