Economia

Piattaforma Maersk: il ministro Passera firma il decreto porti, arrivano 25 milioni

maersk lavori

Vado Ligure. Il ministro dell’economia Corrado Passera ha firmato il decreto che sblocca 80 milioni a favore di alcune Autorità Portuali italiane e fra queste quella di Savona. Come anticipato da IVG.it e confermato dal governatore regionale Burlando, a Vado Ligure spettano 25 milioni per la piattaforma multipurpose.

Gli altri finanziamenti andranno a Genova (20 milioni per area industriale di Sestri), a Civitavecchia (33 milioni per il porto commerciale di Gaeta), a Gioia Tauro (3,3 milioni) e a Cagliari (circa 1 milione). L’emanazione del provvedimento di riparto, spiega il dicastero, “è giunta dopo una complessa istruttoria coordinata dal vice ministro Mario Ciaccia, che ha coinvolto anche il Cipe e le regioni interessate”.

La piattaforma Maersk registra così l’arrivo dell’ulteriore tranche di risorse per la copertura dei costi. Si tratta di uno stanziamento che si aggiunge ai 125 milioni di copertura, i 51 del decreto Salva Italia e i 20 del Milleproroghe. In ogni caso l’Autorità Portuale savonese aggiungerà una parte mutuabile per completare le infrastrutture di servizio.

I 25 milioni erano già attesi nella redistribuzione dei fondi per le infrastrutture portuali non realizzate (la Regione Sardegna aveva osteggiato la firma per l’intesa sui finanziamenti). Ora, però, sono stati assegnati all’opera nella rada di Vado.

“Con l’assegnazione delle risorse per le infrastrutture portuali premiamo le Autorità Portuali maggiormente impegnate in termini di capacità di spesa, consentendo loro di continuare a effettuare investimenti per il potenziamento delle infrastrutture e della competitività dei nostri porti” ha affermato il ministro Passera.

“La rete portuale italiana – ha concluso il ministro – costituisce uno snodo centrale per la logistica e per la gestione dei traffici del Mediterraneo. Bisogna continuare a investire su questo fronte per rimanere competitivi rispetto agli altri grandi porti del Nord Europa, dell’Africa del Nord e del Medio Oriente”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.