IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maremontana, morte di Paolo Ponzo. Gli organizzatori: “Siamo vicini alla famiglia”

Ponente. E’ un lutto che si diffonde senza sosta quello per la tragica morte di Paolo Ponzo, ex calciatore poco più che quarantenne, deceduto durante la gara “Maremontana”.

Organizzatori Maremontana

Antonio Ghilino, ideatore della Maremontana, sottolinea il cordoglio: “Siamo qui a esprimere tutto il nostro cordoglio alla famiglia. Paolo è stato un atleta che ha contribuito a far nascere e crescere questa manifestazione. Il suo apporto è stato fondamentale perché conosceva i percorsi, la montagna, era, oltre che un grande calciatore, un atleta appassionato della corsa in montagna. Era molto modesto, non voleva apparire ma era sempre tra i primi in corse dove ci sono dei campioni. Una persona davvero straordinaria. Aveva sempre fretta di tornare dalla moglie e dai bimbi che adorava e di cui parlava sempre”.

Roberto Franchelli, presidente Balla coi Cinghiali, evidenzia: “Siamo vicini alla famiglia di Paolo e lo ricordiamo come amico e come persona con cui abbiamo tracciato parte di questi percorsi e con cui ci si incontrava a correre, scambiandosi un sorriso o una stretta di mano. E’ sempre stato un punto di riferimento per i giovani runners, così come per i ragazzi del Savona Calcio che seguiva da qualche tempo”.

“La tragedia è inimmaginabile, sono addolorato per questo ragazzo e per la sua famiglia – dice Rino Cassanello, assessore allo Sport di Pietra Ligure, città che ha ospitato la Maremontana per circa 10 chilometri, lungo il tragitto sulle alture di Ranzi – Noi non eravamo nell’organizzazione, ma so che i responsabili della competizioni sono persone meticolose e preparate. Purtroppo ad incidere pesantemente è stato il meteo, con pioggia, nevischio e temperature più basse del previsto”.

“Le polemiche e le critiche sono inevitabili – continua Cassanello – Certo, da appassionato di ciclismo ho guardato con favore la decisione presa nel corso della Milano-Sanremo di rinunciare a percorrere il Turchino a causa di condizioni meteo proibitive, ma, da quanto ho saputo, anche alla Maremontana ad un certo punto si è deciso di far percorrere solo il tratto più breve e non quello di 47 chilometri. Non so se sia vero, ma a me è stato detto così. Il percorso ‘pietrese’ era piuttosto facile, i problemi si sono manifestati altrove”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. SINAPSI
    Scritto da SINAPSI

    Qualcuno e’ responsabile..(forse politici forse no) Qualcuno nonostante le previsioni pessime non ha voluto fermare Caronte travestito da maratoneta.. Per quali motivi? €? Sponsor
    Ora chiunque sia che ha sbagliato, se la vedrà con la giustizia divina ..tre bambini piangeranno per tutta la vita il loro Papa’..e l’angelo dei bambini non vi darà scampo.. Vi perseguiterà nelle vostre notti…che diventeranno incubi.. E le lacrime dei tre poveri orfani che inevitabilmente verseranno, per i responsabili saranno fiamme che bruceranno nel vostro cuore.
    Condoglianze alla famiglia e pregare tanto x il nuovo angelo protettore dei suoi bimbi.