Cronaca

Anziana morta dopo aggressione in casa di riposo: decesso provocato da trauma cranico, altri tre indagati

Tribunale

Albisola. Un trauma cranico. Questa la causa della morte di Paola Olivero Burdisso, l’ospite ottantenne della casa di riposo Villa Elios di Albisola Superiore che ha perso la vita dopo essere stata aggredita da Marco Silombria, 77 anni, anche lui ospite della struttura. Lo ha stabilito l’autopsia effettuata dal medico legale Francesco Ventura.

Secondo la ricostruzione dell’accaduto, è probabile che la vittima, dopo aver subito l’aggressione, abbia battuto la testa contro il pavimento o contro lo spigolo di un mobile prima di perdere conoscenza. L’anziana è stata poi operata alla testa al Santa Corona di Pietra Ligure nel tentativo di salvarla. Il medico legale, nominato dal pm titolare dell’indagine Giovanni Battista Ferro, ha anche effettuato un sopralluogo nella stanza dove è avvenuta l’aggressione.

Silombria è accusato di omicidio preterintenzionale, ma le accuse a suo carico sono destinate a cadere in quanto è già stato dichiarato incapace di intendere e volere. Nell’inchiesta della Procura savonese sono indagate altre tre persone: i due responsabili della casa di riposo e un medico dell’ospedale San Paolo che non si sarebbe reso subito conto della gravità della situazione. L’anziana, arrivata in ospedale con la diagnosi di un femore rotto, ma aveva un’emorragia celebrale di cui il personale medico si sarebbe accorto solo due ore dopo, in seguito ad una seconda Tac. A quel punto Paola Olivero Burdisso era stata trasferita al Santa Corona, dove è morta dopo essere stata sottoposta ad intervento chirurgico per la riduzione dell’edema celebrale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.