IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Prc al sindaco Berruti: “Rifarsi al programma, il Crescent 2 non era previsto”

Savona. “Noi pensiamo che il punto di riferimento debba essere il programma sottoscritto da tutte le forze politiche che compongono l’attuale maggioranza di Palazzo Sisto”. Così Rifondazione Comunista a Savona in merito ai progetti urbanistici di Palazzo Sisto, che stanno creando scompiglio e divisioni all’interno della maggioranza di centro sinistra.

“Il programma del sindaco Federico Berruti per il mandato 2011-2016 prevedeva per la zona Miramare “un percorso di ambientalizzazione e riqualificazione del sito e una sua riconversione verso funzioni terziarie, garantendo e possibilmente incrementando gli attuali spazi e posti barca per la nautica sociale”. Quindi nessun aumento volumetrico ancor meno se a scopo residenziale” spiegano il segretario Marco Ravera ed il consigliere Franco Zunino.

“Non meno chiara la parte riguardante le aree in via Nizza: oggi quel tratto di mare assolutamente pregevole è di fatto precluso alla fruizione dei cittadini e all’utilizzo urbano da una serie di insediamenti evidentemente incompatibili con un’armoniosa riqualificazione di quel litorale. In questo caso si dovranno preservare i siti per attività produttive oggi in essere mentre per quelle da tempo dismesse, l’obiettivo principale della riqualificazione sarà, oltre alla passeggiata e all’accesso al mare, anche lo sviluppo di attività produttive di qualità nel settore del turismo ricettivo”. Anche in questo caso il programma di Berruti era chiaro”.

“Non era nel programma, invece, il “Crescent 2” che rientra nel progetto Bofill approvato ad inizio 2002. In discussione non sono le volumetrie, ma la destinazione delle stesse. Oggi la proposta è di cambiare la destinazione d’uso in “residenziale” una scelta per noi sbagliata sia perché non vediamo significative ricadute pubbliche per la città sia perché concedere nuova edilizia residenziale sarebbe, per noi, un brutto messaggio alla città. Una città fin troppo cementificata negli ultimi venti anni”.

Una soluzione per l’attuale maggioranza ci sarebbe: riprendere in mano il programma del sindaco Berruti che recitava “Le grandi trasformazioni devono essere affrontate coinvolgendo pienamente la cittadinanza nel processo decisionale e nelle valutazioni in ordine all’entità degli interventi, all’utilizzo dei volumi ed all’interesse pubblico da perseguire attraverso un convinto processo di urbanistica partecipata e con pieno ruolo da parte del Consiglio comunale” concludono gli esponenti di Rifondazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Socrate

    Perchè non si mette d’accordo il suo vice sindaco ce pare pensarla diversmante, signor Sindaco.
    O non starete mica facendo il gioco del “poliziotto buono, poliziotto cattivo”?