Cronaca

Genova, pacco sospetto a casa Grillo: intervengono gli artificieri

Beppe Grillo

Gli artificieri hanno ritenuto di non far saltare la scatola all’interno della villa di Beppe Grillo, per motivi di sicurezza e hanno portato via il pacco sospetto recapitato circa due ore fa.

Dopo la lettera di ringraziamento e il mazzo di mimose, oggi a casa di Grillo, nella villa di Sant’Ilario è stato recapitato un pacco sospetto con un corriere. E’ stata la moglie a richiedere l’intervento degli artificieri dell’Arma dei Carabinieri insospettita dalla grafia.

Alla villa si sono presentati due artificieri per visionare il pacco. Si tratta di una scatola di cartone chiusa da nastro adesivo marrone che è stata consegnata da un corriere circa due ore fa. Tracciati a pennarello, l’indirizzo, il destinario Giuseppe Grillo e il mittente, un uomo residente ad Alghero e indica come contenuto “libri usati”.

In mattinata erano stati recapitati anche una lettera di ringraziamento “per l’impegno e la speranza che ci ha dato Beppe Grillo”, un mazzo di mimose, iris viola e ranuncoli bianchi. La colf aveva però ribadito che il leader del Movimento 5 Stelle “non era in casa”. E’ rientrata nella villa solo la moglie di Grillo con i due bambini piccoli, ma non il collaboratore del comico genovese che aveva lasciato stamani poco dopo le 10 la villa a bordo di un Suv.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.