Pallanuoto, Coppa Len: la Blu Shelf Carisa non sa pungere, la Florentia espugna la Zanelli - IVG.it
Sport

Pallanuoto, Coppa Len: la Blu Shelf Carisa non sa pungere, la Florentia espugna la Zanelli

Savona. La strada verso la quarta finale consecutiva in Coppa Len si complica notevolmente per la Blu Shelf Carisa Savona. Nella gara di andata della semifinale, giocata questa sera, i ragazzi condotti da Andrea Pisano sono stati battuti a domicilio dalla Florentia per 8 a 6.

Nel complesso le due formazioni hanno dimostrato di equivalersi, ma i toscani sono parsi più concreti nei frangenti decisivi della partita. I padroni di casa hanno sbagliato tanto in fase di impostazione e in attacco, esprimendo un gioco poco fluido. Sei reti nell’arco dell’intero incontro sono un bottino troppo misero, ma specchio fedele delle capacità offensive della compagine savonese in questa serata storta.

La sfida tutta italiana non basta a richiamare il pubblico. Il clima pessimo non invoglia ad uscire e in pochi raggiungono la piscina Zanelli per assistere alla partita, duecento spettatori o poco più.

Espanol Lifante fa sua la prima palla al centro, ma l’azione sfuma. Il primo tiro è di Coppoli, Antona respinge. Dopo 1’47” il risultato si sblocca: Molina Rios infila la sfera alla sinistra del portiere savonese. La reazione locale è in un tiro di Mistrangelo che schizza sull’acqua e si impenna sopra la traversa. Il primo fallo grave viene fischiato a Damonte e Coppoli concretizza la superiorità. Al contrario, con Pagani nel pozzetto, il tiro di Janovic è parato da Minetti. La Blu Shelf Carisa è imballata in fase di costruzione, lo testimonia un passaggio di Rizzo nelle mani degli avversari. Nemmeno quando Dini va nel pozzetto, Valerio trova lo spiraglio per il tiro. Sulla ripartenza ospite lo stesso Rizzo viene espulso, ma il tentativo di Molina Rios non va a buon fine. Sprecata la terza opportunità con l’uomo in più, il Savona ci prova con Janovic ma Minetti è attento. A 23″ dalla fine del tempo Coppoli ferma irregolarmente Bianco e arriva il primo gol savonese, firmato da Damonte dopo ben 7’42” di gioco.

Alesiani arriva primo sul pallone che apre il secondo tempo, ma la difesa ospite ingabbia Deserti, cercato da Janovic. Dopo 58″ Rizzo ha il pallone buono per il pari e non sbaglia: 2 a 2. Al primo fallo grave di Deserti, Espanol Lifante prova la stoccata ma centra il palo. La Blu Shelf Carisa ringrazia e, con Di Fulvio espulso, Damonte sferra il mancino del 3 a 2. A 3’18” da metà gara, con Petrovic nel pozzetto, i fiorentini fanno girar bene palla e colpiscono con il capitano Pagani. Passa poco più di un minuto e Molina Rios si eleva e fa partire una staffilata sulla quale Antona non può nulla: Florentia nuovamente in vantaggio. Lo stesso numero 5 ospite esce per fallo grave e quando la superiorità sta per terminare Rizzo insacca: botta e risposta avvincente, come ci si poteva attendere, la semifinale è equilibratissima.

Il terzo tempo si apre con una beluina di Molina Rios, Antona non si fa sorprendere. Il Savona sbaglia in fase d’attacco e si scopre troppo, concedendo agli ospiti una rapida ripartenza: Minetti vede Molina Rios che scatta e lo serve, lo spagnolo non sbaglia. I padroni di casa non pungono e Molina Rios va ancora a bersaglio: dopo 2’12” la Florentia è sul + 2. Coppoli è il primo giocatore a commettere il secondo fallo grave; Pisano richiama i suoi per dettare l’azione d’attacco. Petrovic, però, non riesce ad imprimere potenza al suo tiro. A 4’23” dalla fine della frazione di gioco Mistrangelo tramuta in rete la superiorità per l’espulsione di Di Fulvio. I toscani ristabiliscono subito le distanze: il tiro di Coppoli si stampa sulla traversa, Brancatello è il più lesto ad arrivare sul pallone per depositarlo in rete. I toscani pressano, sono aggressivi e determinati: Jacopo Colombo non sa come gestire il pallone in attacco e opta per un tiro forzato, facile per Minetti. A Rizzo viene fischiato fallo grave e Sottani chiama time-out; buon per il Savona che la sfera sfugge dalle mani di Pagani. L’ultimo tentativo ospite dalla proprio metà campo regala un sussulto colpendo il palo.

Tra gli ospiti sono già quattro ad esser gravati di due falli; tra i locali sono Rizzo. Statistiche che però ben poco vogliono dire quando in acqua non si riesce ad esprimere il proprio miglior gioco. La Florentia appare più dinamica a precisa, al punto che nel quarto tempo va più volte vicina all’ottava segnatura. Pisano si gioca il secondo time-out. La Blu Shelf Carisa, però, si annienta da sola, sbagliando tutto in fase d’attacco. Nella quarta frazione non si segna. Nemmeno il time-out chiamato da Sottani serve ad imbastire un’azione vincente. Bini è il primo espulso per tre falli gravi; poco dopo stessa sorte tocca a Pagani. La conclusione di Petrovic è respinta da Minetti; ci pensa Luca Damonte a tenere a galla i savonesi, siglando la tripletta personale. Il Savona scampa il pericolo con Mistrangelo nel pozzetto e ha la palla del pareggio, ma non la sfrutta. La Florentia riesce a guadagnar due possessi consecutivi e un fallo grave di Janovic: a 7″ dalla sirena Espanol Lifante realizza il definitivo 8 a 6, segnando un gol pesantissimo nell’ottica del doppio confronto.

Il pubblico di casa abbandona la piscina deluso. Per poter vedere la quarta finale consecutiva, mercoledì 6 febbraio alla Nannini di Firenze ci vorrà una Blu Shelf Carisa molto diversa da quella vista in acqua questa sera.

Nell’altra semifinale, il Radnicki Kragujevac ha prevalso per 9 a 6 sul Debrecen. I serbi ipotecano così la finale, nella quale saranno la squadra da battere.

“C’è molta amarezza – commenta il centroboa savonese Arnaldo Deserti – ma non dobbiamo abbatterci perché è solo il primo tempo. Questa sera eravamo un po’ fermi, un po’ contratti”. Sulla partita di ritorno, Deserti sottolinea: “E’ assolutamente possibile fare il risultato. Serve una bella impresa, vincere e passare il turno, ma nella pallanuoto nulla è scontato”.

Il tabellino:
Blu Shelf Carisa Savona – Rari Nantes Florentia 6 – 8
(Parziali: 1 – 2, 3 – 2, 1 – 3, 1 – 1)
Blu Shelf Carisa Savona: Antona, Alesiani, L. Damonte 3, Petrovic, E. Colombo, Rizzo 2, Janovic, Fulcheris, G. Bianco, Mistrangelo 1, J. Colombo, Deserti, Rolle. All. Andrea Pisano.
Rari Nantes Florentia: Mugelli, Di Fulvio, Borella, Pagani 1, Molina Rios 4, Coppoli 1, Brancatello 1, Espanol Lifante 1, M. Lapenna, Gobbi, Bini, Di Fulvio, Minetti. All. Leonardo Sottani.
Arbitri: Radoslaw Koryzna (Polonia) e Axel Bender (Germania). Delegato Len: Jean Claude Demey (Francia).

Foto tratte da www.rarinantes.sv.it.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.