Economia

Annuario statistico: meno immigrati e calo della popolazione, cresce il numero dei disoccupati

annuario statistico

Liguria. Calo della popolazione e un aumento della disoccupazione. Due dati non certo positivi incoraggianti quelli che emergono dall’annuario statistico della Regione Liguria, presentato questa mattina a Genova. “Si tratta di un lavoro importante per capire l’economia, gli andamenti demografici, le prospettive e le criticità della Liguria – esordisce l’assessore regionale Pippo Rossetti – Genova, ad esempio, va sotto i 600 mila abitanti e la realtà ligure in generale vede aumentare le famiglie monoreddito. Questo significa un aumento della fragilità delle relazioni fra persone”.

Dai dati analizzati si intravedono in parte gli scenari che poi hanno caratterizzato l’anno appena trascorso. “Il 2011 tiene sui livelli occupazionali, ma ci sono già i segnali di quella che sarà la difficoltà dell’economia sul 2012, con un dato che riguarda i giovani molto preoccupante – prosegue Rossetti – Il turismo ha tenuto grazie alla presenza degli stranieri. Per quanto riguarda la situazione demografica, invece, è davvero critica. L’immigrazione, infatti, non consente di tenere i numeri degli anni precedenti. Di fatto, quindi, abbiamo un tasso di crescita negativo che non riesce ad essere colmato dai flussi migratori, che anche per la crisi sono poi diminuiti”.

Per porre rimedio a tutto questo ci sono possibili soluzioni, ma non facilmente realizzabili in questo momento di crisi. “Bisognerebbe riuscire a tutelare il lavoro femminile e sul piano economico dobbiamo difendere i posti di lavoro, l’industria e dare maggiore sostegno alle politiche di sostegno del turismo, che rappresenta uno dei punti di forza della nostra Regione”, conclude Rossetti.

Dati allarmanti, che riguardano ovviamente anche il comparto commerciale. “La Regione perde popolazione e abbiamo anche un minor numero di immigrati, quindi lascio leggere questi dati a chi è competente più di me. E’ ovvio, però, che tutto questo ha risvolti anche sul comporto commerciale e sull’economia del territorio – spiegano le associazioni dei comercianti –. Emerge poi un altro dato, ovvero la fragilità delle famiglie, visto che sono in aumento quelle monoreddito. Occorre fare interventi mirati per sviluppare occupazione, che vuol dire anche intervenire sul tessuto produttivo del territorio. Per quanto riguarda noi, ogni negozio che chiude significa preziosi posti di lavoro persi”.

Non bisogna perdere tempo, quindi, e dello stesso avviso è Luciano Pasquale, presidente di Unioncamere Liguria. “Nel 2011 si avvertiva una possibile ripresa, che in parte c’è stata, ma purtroppo non è stata confermata nel 2012 – spiega – I problemi, infatti, si sono aggravati, soprattutto per quanto riguarda il lavoro e l’occupazione. Bisogna uscire dalla parole e passare ai fatti, consentendo alle imprese e a chi vuole investire di poter realizzare rapidamente i propri progetti. Per fare questo, quindi per creare sviluppo e occupazione, bisogna ridurre la burocrazia”.

Dai dati presentati questa mattina risulta infatti che la popolazione ligure, dopo qualche anno di crescita, determinata dalla componente migratoria, ha fatto registrare nel 2011 una diminuzione pari a – 0,7 per mille abitanti. Per quanto riguarda i matrimoni in Liguria nel 2011 vi è stata una maggiore incidenza dei matrimoni tra stranieri e tra italiani e stranieri. Se infatti a livello nazionale i matrimoni tra italiani e stranieri rappresentano il 7% del totale, in Liguria raggiungono l’11%. Per quanto riguarda il lavoro nel 2011 vi è stato un incremento dello 0,7% della forza lavoro, conseguente all’aumento dell’occupazione dell’1%, superiore a quanto rilevato a livello nazionale (+0,4%). Aumento che riguarda però solo il terziario (+1,8%), mentre cala sia per gli addetti in agricoltura (-6,2%) sia per quelli dell’industria (-1,3%). Dati che cambieranno nel secondo trimestre 2012 con un aggravamento: diminuisce dello 0,3% sia la forza lavoro, sia gli occupati (-4,1%).

Nel 2011 si registra uno sviluppo positivo per le imprese artigiane, pari all’1% a livello regionale, che in provincia di Genova raggiunge l’1,6%. Diminuiscono le imprese industriali che fanno registrare un -1,8%. Sul fronte turistico aumenta l’arrivo degli stranieri, con un più 400.000 unità, calano invece di 65.000 i turisti italiani. Da parte della popolazione ligure vi è una percezione negativa della situazione economica, testimoniata anche dalla spesa media per famiglia che risulta inferiore a quella del Nord Ovest. A sorpresa i liguri risultano fedeli utenti del trasporto pubblico locale, con il 46% di persone che utilizzano i mezzi pubblici contro un 28% di utilizzatori nel Nord Ovest e un 25% a livello italiano. In generale vi è una buona considerazione del Tpl, compresi i treni, più elevata che nel resto del Paese. Le maggiori critiche sono espresse verso le tariffe e i rincari e sulla frequenza dei mezzi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.