IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Andora, sequestro carne di coccodrillo da “Italo’s”. Enpa: “Questione di igiene, non solo di rispetto degli animali”

Carne di pitone e coccodrillo di dubbia commestibilità e uno dei ristoranti più originali del Savonese finisce nei guai con un sequestro dei carabinieri del Nas di un chilo e mezzo di carne del valore di 300 mila euro. A ventiquattr’ore dalla “disavventursa” che ha colpito “Italo’s” di Andora arriva il commento dell’Enpa.

“La globalizzazione non ha portato bene agli animali: lo dimostra l’episodio di Andora, dove ad un ristoratore ‘innovativo’ è stata sequestrata dal benemerito NAS carne di pitone e coccodrillo” premettono i volontari. “Non critichiamo il ristorante Italo’s – dicono ancora – ma chi, frequentandolo e consumando la carne che offre, alimenta un traffico di carne esotica che contiene immense sofferenze per gli animali che ne erano legittimi proprietari. Si tratta infatti di animali o allevati in fattorie del terzo mondo dove rispetto e sensibilità sono parole sconosciute, o catturati in natura e quasi sempre uccisi in modo barbaro”.

“Purtroppo una moda stravagante sempre più diffusa attira soprattutto i giovani verso cibi esotici, come ad esempio il sushi originario dal Giappone, paese nella lista nera di ogni animalista per la caccia alle balene e l’importazione di tonno rosso mediterraneo che lo sta conducendo all’estinzione – continuano i volontari Enpa – Tornando al ristorante di Andora, chi ha visto gli allevamenti asiatici di coccodrilli e ha un minimo di rispetto per l’igiene, se non per gli animali, difficilmente ne mangerà la carne, anche se importata da un’asettica ditta tedesca”.

“Ma sarebbe bene cogliere l’occasione per riflettere anche sulla carne ‘comune’, per la cui produzione vengono consumati fiumi d’acqua e milioni di tonnellate di cereali, sottratti ad terzo mondo di uomini affamati e di foreste distrutte per crearvi le coltivazioni. Per non parlare infine della carne kasher e alal per ebrei e musulmani, ottenuta scannando gli animali senza preventivo stordimento, una pratica vietata in alcuni paesi civili del Nord Europa ma ancora consentita in Italia per una malintesa interpretazione dei precetti religiosi” . E la stoccata finale: Ma i piatti liguri vegetariani con prodotti dell’agricoltura locale no?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gianmarco

    Sono stato a mangiare in quel ristorante, ma sinceramente non so se ci tornerei,molto meglio una bistecca di manzo e costa anche di meno…

  2. Bandito
    Scritto da Bandito

    Mi sembra che sul valore della carne stiate sparando cifre a caso, io li ho mangiati entrambi in africa o forse in sud america spendendo molto meno. E comunque il pitone fa abbastanza schifo, il coccodrillo non è male me niente di speciale, meglio una bella fiorentina.

  3. genoveffa
    Scritto da genoveffa

    Personalmente, pensandoci bene, mi fa più pena pensare all’uccisione di un vitellino o di un coniglietto che di un coccodrillo o di un serpente…. però se un chilo e mezzo costa 300 mila euro mi metto ad allevare coccodrilli!

  4. Scritto da El Rey del Mundo

    Se la prossima volta vado a Italo’s e ordino dal menù sottobanco “carne umana” che fa Italo’s??? me la cucina e me la presenta nel piatto (e successivamente m fa passare alla cassa ovvio)?????? La colpa sarebbe mia perchè ho “alimentato” un subdolo giro di carni “esotiche” o “umane”? E tutti si preoccuperebbero per la povera persona uccisa (forse) e mangiata. ahahahahahahaahahahahahah! BUFFONI IPOCRITI!che schifo! ho il vomitoooooooooooooooo!

  5. Scritto da El Rey del Mundo

    MA ALL’ENPA CI SONO O CI FANNO?! PIANGONO IL POVERO PITONE E/O IL POVERO COCCORILLO MA NON CONDANNANO IL RISTORANTE ITALO’S BENSI’ GLI AVVENTORI CHE “RICHIEDONO” CERTE CARNI ESOTICHE???!!! MA L’ASL, L’IGIENE INVECE CHE DICONO? LA TRACCIABILITA’ DEL COCCODRILLO E DEL PITONE SUPPONGO SARA’ UN PO’ DIFFICIòE TROVARLA. E SE INTERVIENE LA FORESTALE ITALO’S O IL SUO FORNITORE (SE FA IL NOME) SI FANNO UN BEL PROCESSO PENALE TE LO DICO IO!
    ROBA DA METTERSI LE MANI NEI CAPELLI! NEL 2013 ARRIVA E’ POSSIBILE MANGIARE ANIMALI ESOTICI NEL PIATTO DI UN RISTORANTE!!!
    MA ROBA DA MATTI!
    E’ COLPA DEI CLIENTI CHE CHIEDONO E MANGIANO IL COCCODRILLO O IL PITONE E NON DEL RISTORATORE SENZA PUDORE NE’ SCRUPOLI CHE LO PROPINA SOTTOBANCO.
    ENPA VI SIETE FUMATI IL CERVELLO!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.