IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power e assessore Lavazelli, M5S all’attacco di Rifondazione: “Ci hanno messo due mesi per stigmatizzare chi ha tradito gli impegni”

Vado Ligure. Interviene anche il Movimento 5 Stelle sulla posizione di Rifondazione e dell’assessore Pierluigi Lavazelli nell’assetto amministrativo di Vado Ligure, rispetto all’ampliamento della centrale termoelettrica. “Quasi due mesi dopo la Conferenza dei Servizi per l’Aia della centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure, Rifondazione si accorge che la delibera dei Comuni di Vado e Quiliano, votata anche dal proprio assessore Lavazelli ‘apre la strada alla costruzione di un nuovo gruppo a carbone'” osservano gli esponenti del movimento di Grillo.

“Forse l’assessore, come pure i sindaci e le giunte di Vado e Quiliano scambiano i cittadini per degli allocchi, pronti a credere ai sì mascherati da no interlocutori. Si sbagliano – attacca Andrea Delfino, consigliere del M5S – I cittadini cercano di capire leggendo la poca informazione indipendente, venendo a parlare con noi ai banchetti, partecipando agli incontri della Rete Savonese Fermiamo il Carbone (ai quali i rappresentanti dei Comuni evitano accuratamente di partecipare.) Le persone non sono più disposte a farsi prendere in giro”.

L’assessore Lavazelli giustifica il suo voto favorevole in giunta dichiarando che non si poteva di meglio fare perché “i sindaci si sono trovati senza strumenti per imporre la propria volontà”.

“Le dichiarazioni di Lavazelli sono semplicemente scandalose. I sindaci avevano il potere di imporre prescrizioni vincolanti ai sensi degli articoli 216 e 217 del Regio Decreto 1265/34″ incalza Eric Festa del M5S. “E’ curioso – spiega – che l’assessore non lo conosca, visto che nella delibera che ha votato, per alcune prescrizioni irrilevanti, si fa riferimento proprio a questi articoli. Come mai i sindaci non hanno imposto, a norma di quegli stessi articoli, il rispetto dei limiti di emissione previsti dalle normative europee? L’assessore Lavazelli è forse all’oscuro dell’allarmante relazione dell’Ordine dei Medici di Savona, del documento ARPAL relativo agli altissimi livelli di metalli pesanti presenti nei nostri fondali e dei preoccupanti risultati dello studio sui licheni, commissionato e mai reso noto dalla stessa Tirreno Power? Tutti documenti citati nella delibera che lui stesso ha votato. Non dica quindi: non sapevo. Sarebbe stato sufficiente per il Comune pretendere nelle sedi istituzionali il dovuto rispetto della legge”.

Il Movimento 5 Stelle non risparmia Rifondazione: “Come hanno potuto attendere quasi due mesi per stigmatizzare chi ha tradito l’impegno che il loro partito si era preso con i cittadini? Hanno impiegato quasi due mesi per capire che la delibera votata dal loro assessore era una porcata? Da chi aderisce alla Rete Savonese Fermiamo il Carbone ci saremmo aspettati maggior tempestività e coerenza in merito. Escono dalla maggioranza in consiglio comunale ma il loro (ex?) assessore continua a sostenere la giunta di Quiliano; basteranno altri due mesi per espellere Lavazelli?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Partito Comunista dei Lavoratori Albenga
    Scritto da Partito Comunista dei Lavoratori Albenga

    Rifondazione….tragico epilogo di un partito che voleva rappresentare la rinascita di un partito comunista, per i lavoratori e per il popolo, trasformato anch’esso dalle sue dirigenze in un semplice comitato elettorale buono a promettere ma ancora più abile a appoggiare politiche infami e scandalose per difendere i posti remunerativi in giunte, consigli e commissioni di qualsiasi livello istituzionale essi siano…

  2. Scritto da El Rey del Mundo

    Basta! La politica di Vado ha calato le braghe davanti alla Tirreno Power e davanti alla piattaforma Maersk. Qualcuno è diventato ricco dietro queste due vertenze…in poco tempo da contraria è passato ad essere favorevole. Molto strano! Che la GdF e la Procura indaghi. Soprattutto sulle regalìe in nero per ammorbidire certi personaggi…scavate scavate che non troverete il torbido ma merd@a s-cetta!