No alla bretella Borghetto-Predosa, assemblea pubblica a Finalborgo

Image0011

Finale L. Una assemblea pubblica a Finale Ligure sulla Bretella Borghetto-Carcare-Predosa organizzata dal comitato “Difendiamo le nostri valli” che si batte contro la realizzazione dell’infrastruttura autostradale. L’appuntamento è per venerdì 16 novembre, alle ore 21:00, presso il palazzo Rizzo.

“L’arco della valli della costa ligure – da Toirano a Orco Feglino – forma un grande polmone verde. Boschi, sorgenti, corsi d’acqua, uliveti e orti: queste valli formano un’area di contrasto alle città sul lungomare. La vicinanza fra mare e monti crea la base per una qualità di vita straordinaria per residenti e turisti” afferma il presidente del comitato Ugo Frascherelli.

“Non è un’esagerazione dire che il Finalese è diventato uno dei primi indirizzi sulla mappa mondiale per quello che riguarda l’ arrampicata e la mountain bike. Infatti le valli offrono tranquillità, aria “saporita”, acqua fresca, percorsi per passeggiate e attività sportive. Di conseguenza, tutti i progetti di infrastrutture o di altri interventi con impatti su ciò che riguarda il paesaggio, la tranquillità, l’acqua e l’aria, sono da vedere con la massima cautela” aggiunge.

“La costruzione della bretella punterebbe con investimenti enormi nella direzione dell’aumento di traffico automobilistico per i centri turistici lungo la costa, con la conseguenza e la necessità di pesanti investimenti per l’aumento di capacità stradale e posteggi. Queste sono le considerazioni espresse dal Prof. Willi Huesler (Esperto internazionale di trasporti e viabilità- Docente alla Facoltà di Architettura di Sassari) che verranno ribadite nell’incontro pubblico di venerdì sera, insieme all’ Ing. Valentino Castellani – ex sindaco di Torino, già prorettore – docente al Politecnico della sua città e gran sostenitore del dibattito pubblico alla francese”.

“Dopo la grande partecipazione riscontrata nelle assemblee che abbiamo organizzato nei Comuni dell’entroterra, ci sarà finalmente la possibilità di un confronto aperto e approfondito, in libero contraddittorio, al fine di capire non solo l’impatto di tale opera sull’entroterra, ma anche le sue conseguenze per i Comuni rivieraschi” conclude il presidente Ugo Frascherelli.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.