Influenza, alcuni vaccini ritirati dal mercato: rischio ritardi nella consegna delle dosi alla Liguria - IVG.it

Influenza, alcuni vaccini ritirati dal mercato: rischio ritardi nella consegna delle dosi alla Liguria

vaccino

Liguria. La Crucell, azienda farmaceutica che distribuisce i vaccini contro l’influenza anche in Liguria, ha ritirato il medicinale perché ritenuto non sicuro. La conferma arriva anche dal Ministero della Salute. “L’azienda produttrice dei vaccini in questione non è tra le prime che riforniscono il mercato. In queste ore al Ministero e all’Aifa si sta affrontando il problema. Altre aziende hanno assicurato la garanzia delle dosi necessarie in modo che non vi sia alcun problema per i cittadini”, si legge in una nota del dicastero.

La campagna vaccinale, appena partita, aveva già registrato ritardi nelle forniture. “I vaccini sono estremamente controllati. I controlli sono ferrei e quando si rileva un problema, che può accadere, perché comunque si tratta di prodotti biologici, le aziende ritirano non solo i lotti sospetti, ma l’intera produzione. Ô una misura precauzionale – continua la nota del dicastero – che viene sempre adottata, quando si individua anche solo un minimo rischio. Il Ministero della Salute assicura che non vi sono rischi per la salute e che quello che si sta affrontando in queste ore è solo un problema organizzativo per reperire anche sul mercato estero da parte delle aziende produttrici tutte le dosi necessarie di vaccino antinfluenzale”.

Detto questo, in Liguria la campagna di vaccinazione sarebbe dovuta iniziare il 25 ottobre, ma rischia di essere bloccata proprio a causa di questi ritiri dal mercato. Nella nostra Regione, quindi, sono circa 168 mila le persone che potrebbero rischiare di non trovare il vaccino, visto che il tentativo di provvedere alla mancante parte rivolgendosi ad altre case farmaceutiche, almeno per il momento ha dato esito negativo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.