Cronaca

Alassio, blitz dei carabinieri alla “Colombera”: rifugio di clandestini e spacciatori, tra sporcizia e degrado

Alassio - dormitorio  sgomberato

Alassio. La vista di cui si può godere da quassù è mozzafiato, ma la brezza che si respira è tutt’altro che marina. Puzza di escrementi e spazzatura, che fanno sembrare l’isola Gallinara, che si staglia proprio di fronte a queste finestre decadenti, ad anni luce di distanza.

Bisogna scatenare la fantasia per immaginare come potesse essere un tempo la “Colombera”, antica dimora cinquecentesca che campeggia nella località omonima, tra Albenga e Alassio, quasi all’altezza della discoteca “Le Vele”, ora in stato di abbandono e diventata un dormitorio abusivo per extracomunitari.

I carabinieri di Alassio hanno sorpreso gli stranieri tra queste stanze putride, prive di acqua e energia elettrica, su materassi adagiati tra spazzatura, fornelletti a gas, ed elettrodomestici abbandonati. E poi rifiuti di ogni genere, bottiglie di plastica, mutande e peluche sgualciti.

Qui sono stati individuati quattro marocchini con precedenti per droga e, sempre qui, in un anfratto ricavato in un muro all’esterno della casa, il cane antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Villanova d’Albenga, ha trovato una decina di dosi di hashish. I quattro sono stati denunciati perché sprovvisti di documenti d’identificazione e per mancata esecuzione dei provvedimenti di espulsione.

I militari alassini – che hanno operato nell’ambito di un servizio coordinato, svolto tra ieri e giovedì, e disposto dal Comando Legione Liguria, contro la criminalità diffusa – pensano che qui vivessero almeno otto persone. Alcune di queste erano assenti al momento del blitz e non hanno fatto più ritorno alla Colombera, diventata ormai il fantasma del lusso che fu.

Il degrado e l’aria irrespirabile hanno preso il sopravvento: le foto e le immagini che abbiamo girato mostrano un rifugio di emarginati, ben lontano dalla movida che, a poche centinaia di metri di distanza, “luccica” nelle notti alassine.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.