IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, taglio del nastro per la mostra “M’Illumini e m’invento” dedicata all’arte del riciclo foto

Più informazioni su

Finale L. E’ stata inaugurata ieri con un gran successo di pubblico la prima edizione della mostra di oggetti creati con materiali di recupero “M’Illumini e m’invento”. La mostra, è stata allestita presso OroArgento Group Cà di Nì Location a Finalborgo e tratta diverse tematiche legate al riciclo di materiali al fine di realizzare opere d’arte, complementi d’arredo, oggettistica, abiti, accessori e non ultimo progetti per la salvaguardia dell’ambiente.

L’idea della mostra nasce dalla volontà di far emergere idee alternative ed ecologiche. Gli espositori provengono da diversi settori, dal CEA Riviera Beigua (Centro Educazione Ambientale della Regione Liguria) che ha creato giocattoli con i materiali più disparati dalle bottiglie dei detersivi ai rotoli di carta igienica, ad artisti e creativi che si sono cimentati negli anni in diversi campi legati “all’arte del riciclo” dei materiali.

Tra gli espositori, di cui la maggior parte sono donne, c’è anche Carla Mattea che ha creato accessori e complementi d’arredo con bottoni, sassi di mare, legnetti spiaggiati, dischi di vinile, cassette della frutta, cartoni delle uova ed altre materie prime curiose. Poi Virginia Cafiero che ha creato abiti, Kimoni e complementi d’arredo con carta pesta riciclata, fiori del suo giardino e bustine di the verde; Italia Furlan (Artificio) che ha realizzato abiti con materiale di recupero che sono diventati, grazie alla presenza di tre modelle, una performance che si è animata in mezzo al numerosissimo pubblico intervenuto, Italia ha realizzato anche due lampade/sculture con oggetti di recupero e lucine natalizie; Stefania Semolini (EDHERA) che ha realizzato quadri con carta di giornale di grandi dimensioni; Mario Nebiolo che ha realizzato tre sculture con pietre di recupero; Riccardo Serrato che ha realizzato due sculture con pietre di Verezzi e Franco Rossi, meccanico artigiano, che ha realizzato 4 grandi opere dalle sembianze umane con pezzi di ricambio delle automobili, ammiratissimi i musicisti e le figure femminili.

L’esposizione è articolata tra il Giardino della Torre e le sale di Cà di Nì Location, un contesto unico nel cuore di Finalborgo e rimarrà aperta fino al 14 agosto. La mostra è aperta dal 9 al 14 agosto dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. L’ingresso costa 5 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.