Cronaca

Via alla nuova raccolta di rifiuti “porta a porta” a Carcare, Bologna: “I disagi diventeranno vantaggi”

carcare

Carcare. Sbarca oggi a Carcare il nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti urbani. In occasione di questo cambio di rotta il sindaco di Carcare Franco Bologna è voluto intervenire per rassicurare i cittadini: “Guardiamo avanti! I disagi di oggi, dovuti alle novità, con l’aiuto di tutti, diventeranno i vantaggi di domani”.

“La strada intrapresa dal Comune di Carcare – prosegue il primo cittadino – in materia di rifiuti urbani sarà quella di un rafforzamento del sistema della raccolta differenziata, cosiddetta ‘porta a porta’, in virtù di una vocazione ambientalista ed ecologica che da sempre contraddistingue il Comune di Carcare, centro residenziale e di servizi. Un percorso di allineamento alle moderne discipline della Comunità Europea orientate al miglioramento della qualità della vita e alla diffusione di valori di tutela e salvaguardia del nostro patrimonio ambientale, un percorso soprattutto educativo finalizzato all’introduzione di una nuova cultura nel trattamento dei rifiuti urbani”.

“Per questa ragione vorrei che i cittadini carcaresi comprendessero che gli odierni disagi, dovuti alle novità introdotte, diventassero i vantaggi di domani, ovviamente con l’aiuto e la collaborazione di tutti. Il nuovo modello ‘porta a porta’ di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, prenderà corso da oggi, ma si perfezionerà nei mesi seguenti soprattutto grazie al ruolo attivo dell’iniziativa diretta dei cittadini, tale modello si fonda infatti sui valori dell’autocoscienza ecologica, quindi la sensibilità civica dei singoli cittadini sarà l’elemento determinante per il suo buon funzionamento” spiega Bologna.

“L’Amministrazione Comunale attraverso i componenti della propria Giunta affiancati dal personale dell’Ufficio Tecnico e dai dipendenti della ditta Aimeri, saranno a disposizione per chiarimenti, modifiche e quant’altro si renderà necessario per soddisfare i bisogni dei cittadini, tanto nelle abitazioni individuali quanto nei condomini, in caso di persone con difficoltà si è disponibili ad andare direttamente a casa per spiegare i dettagli e concordare soluzioni tecniche e pratiche” conclude il primo cittadino.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.