Varazze, zio accusato di aver abusato della nipotina: assolto - IVG.it
Cronaca

Varazze, zio accusato di aver abusato della nipotina: assolto

tribunale savona

Varazze. La difesa ha sempre sostenuto che fosse la mamma ad averle innescato finti ricordi: gli stessi con i quali lei ha dovuto convivere tutta la vita, da quando, cioè, a pochi anni d’età, aveva dovuto subire “attenzioni particolari” da un adulto. Eppure all’accusa, così come alla psicologa che ha redatto la perizia, la bimba è sembrata attendibile, intelligente e per nulla confusa. Al punto che il pm aveva chiesto per il suo presunto molestatore 3 anni di reclusione. Oggi, invece, in tribunale a Savona, l’uomo è stato assolto dalla terribile accusa perché il fatto non sussiste.

I fatti contestati si riferivano al luglio del 2008 nel Varazzino e avrebbero visto come protagonisti la piccola e lo zio. Uno zio-orco, sosteneva l’accusa, che un giorno avrebbe abusato della bimba all’interno della macchina di sua proprietà (una Fiat Panda). Palpeggiamenti e baci molesti che, stando al racconto della mamma, la presunta vittima avrebbe confessato immediatamente una volta giunta a casa e che, invece, secondo la difesa, sarebbero stati rivelati in un secondo momento, dopo aver guardato tranquillamente la tv, e sotto l’effetto dell’influenza del genitore.

Una mamma molestata da piccola e che, forse, assistendo a gesti interpretabili, avrebbe rivissuto il trauma e lo avrebbe proiettato sulla figlia: su questa teoria si è basata tutta la difesa dello zio (ad assisterlo, gli avvocati Marco Bertolino e Domenico Oddino). Ed è questa la teoria che ha prevalso in aula.

Senza contare il fatto che anche il rapporto del medico e delle maestre della bambina non hanno mai rilevato i cosiddetti “comportamenti sessualizzati” (pianto, mancanza di sonno, rifiuto del cibo, scarso rendimento scolastico, tutti segnali di un trauma) né segni di violenza sul corpo della piccola.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.