Calcio, il d.g. Simone Braglia: "Per questo Savona abbiamo voluto gente con gli stimoli giusti" - IVG.it
Sport

Calcio, il d.g. Simone Braglia: “Per questo Savona abbiamo voluto gente con gli stimoli giusti”

20120723presentazionesavonacalcio 0005

Savona. Simone Braglia, ex portiere di Serie A, ha ricevuto dal Savona Fbc la proposta di ricoprire il ruolo di direttore generale. Accettato l’incarico, ha percorso l’Italia in lungo e in largo, nei mesi scorsi, per allestire la nuova squadra, forte delle sue conoscenze nell’ambiente.

“La base di quella che è la nostra programmazione è essere nella ‘serie C’ dell’anno prossimo – afferma Braglia -. I nostri programmi, però, vanno oltre e riguardano il futuro sviluppo sul territorio, soprattutto di un’attività giovanile. Prova ne vuole che due terzi della squadra siano giovani, di proprietà o meno”.

Braglia, più di una volta, ha ribadito come, senza Ninni Corda, il Savona non sarebbe dov’è attualmente. “Per portare a termine una stagione come quello dello scorso anno – dichiara – ci voleva un allenatore forte e capace caratterialmente, per sopportare quanto accadeva. Con Corda ho lavorato a Como, so com’è il suo carattere, e la squadra deve rispecchiarlo, come l’anno scorso ha fatto”.

“L’imprenditorialità legata oggi al Savona – dice Braglia, affrontando il tema della dirigenza – è forte e del territorio. D’altra parte se non ci fossero stati questi presupposti io non sarei sceso a Savona a legare la mia immagine a la mia esperienza a questa città”.

Riguardo al mercato, Braglia spiega come “quello che più conta sia portare a Savona gente che abbia gli stimoli giusti e la necessità di sfondare nel calcio. Per il campionato che andremo a fare è stato meglio contattare gente motivata e che ha uno spirito di sacrificio, come hanno quelli che abbiam preso da Cagliari, Genoa e Atalanta. Anche per questa motivazione non abbiamo seguito giovani delle società che in Serie A viaggiano nell’alta classifica, perché forse non avrebbero avuto questa mentalità”.

Tra i confermati c’è Luca “Veleno” Cattaneo. E’ uno dei più anziani della squadra, alla sua quarta stagione in biancoblu. “Sono ancora emozionato, mi sembra come essere qui il primo anno – dice l’attaccante -. Per me ci sono sempre nuove motivazioni e anche quest’anno spero di fare bene. Sono convinto anche io che questo sia un anno zero. E sono certo che sarà un anno bello”.

Riguardo alla possibilità che si era profilata di una Serie C unica, poi sfumata, Cattaneo spiega di non esserne dispiaciuto: “E’ centomila volte meglio guadagnarsi la promozione sul campo. Ce la giocheremo fino alla fine e penso l’obiettivo sia vincere il campionato”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.