Politica

Aree Piaggio, il Pd finalese: “Per la riqualificazione urbanistica occorrono qualità ed efficienza”

area piaggio finale

Finale Ligure. Il circolo del Partito Democratico finalese torna a ribadire la propria preoccupazione in merito alla questione legata alle aree Piaggio, in modo particolare per come è stata impostata, approvata e poi portata avanti, mantenendone sempre viva la discussione.

“Quello che doveva essere il rilancio della attività industriale mediante il trasferimento a Villanova d’Albenga in un nuovo, moderno stabilimento realizzato per mezzo della riqualificazione urbanistica dell’attuale sede di Finale Ligure – dichiara Fulvio Carzolio, coordinatore del Pd finalese -, trova attualmente pesanti ostacoli nell’approvazione della progettazione della parte urbanistica che interessa Finale Ligure”.

“Purtroppo pochissime persone sembra che ci abbiano ascoltato – prosegue -. Anche nelle principali istituzioni, amministrazione comunale in primo luogo. Ora è venuto il momento della verità, pena il fallimento dell’operazione, con tragiche ripercussioni sull’attività industriale, sulla occupazione e, non ultima, sulla riqualificazione urbanistica della nostra città”.

“Abbiamo riscontrato con grande piacere che la costruzione dello stabilimento a Villanova procede celermente mettendo in luce valori, quali la qualità, l’eccellenza, l’efficienza, eccetera – sottolinea Carzoglio -, attraverso i quali noi puntavamo, come condizione irrinunciabile”.

“Ora chiediamo, come sempre fatto in passato – conclude -, che l’impegno, proprio in termini di qualità, eccellenza, efficienza, eccetera, profuso nella costruzione dello stabilimento, venga altresì applicato nella progettazione della riqualificazione urbanistica di Finale Ligure, che secondo il nostro (e non solo nostro) modesto parere, pur con l’applicazione della migliore volontà, non abbiamo potuto riscontrare nelle ultime soluzioni progettuali presentate”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.