IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Corruzione e abusi edilizi, bufera sul Comune di Alassio: indagato il vicesindaco Sibelli. Avogadro: “Parlo domani”

Alassio. C’è chi l’ha già definito un “terremoto” e pensa che darà una scossa così forte in città da far tremare molte persone. L’unica certezza, almeno per ora, è che la notizia di un indagine che ruota intorno al Comune di Alassio e che avrebbe smascherato una piccola organizzazione messa in piedi per falsificare atti pubblici (ad esempio pratiche edilizie, condoni) di amici e compiacenti per evitare demolizioni o per sanare pratiche edilizie sulla carta insanabili, coinvolge volti molto noti ed è già sulla bocca di tutti.

Nel mirino della Procura ci sono infatti anche il vicesindaco di Alassio Luigi Sibelli, la moglie Nadia Pelle, il geometra Luigi Tezel (questi ultimi sono due dipendenti comunali), un imprenditore a cui il Comune ha affidato diversi lavori (e che è fratello di un consigliere comunale) un fotografo e un secondo geometra. Per tutti e sei, questa mattina, dopo un blitz in Comune dei carabinieri di Alassio e Albenga con il supporto degli uomini della polizia giudiziaria della Procura, sono scattate altrettante denunce a piede libero.

I reati, in concorso e a vario titolo, che gli vengono contestati sono: corruzione aggravata, turbativa d’asta, falso ideologico del privato in atto pubblico, falso ideologico del pubblico ufficiale in atto pubblico; falsità in atti amministrativi; abuso edilizio, violazione vincoli paesistici ambientali. Oltre ai sei denunciati però ci sarebbero altre persone indagate: la lista sembra lunga, ma dalla Procura viene mantenuto il più stretto riserbo sul numero dei nomi iscritti nel registro degli indagati. Il sostituto Danilo Ceccarelli titolare dell’indagine si è limitato a confermare che non si ferma a sei.

I carabinieri alassini hanno reso noto che, oltre al Comune, stamattina hanno perquisito anche alcune delle abitazioni degli indagati “che hanno fruttato positivi riscontri alle ipotesi investigative”.

“Le attività d’indagine – ha commentato il Maggiore Samuele Sighinolfi -, hanno permesso di scoprire una piccola organizzazione che in accordo falsificava atti pubblici (ad esempio pratiche edilizie, condoni) di amici e compiacenti, anche grazie all’aiuto di un fotografo che modificava le foto degli immobili oggetto di abusi edilizi. Tale pratica consentiva di evitare demolizioni o di sanare pratiche edilizie altrimenti insanabili a causa, ad esempio, di vincoli paesaggistici ambientali. Gli immobili sono tutti localizzati tra Alassio e Moglio. E’ stata inoltre accertata la turbativa d’asta in merito all’assegnazione di lavori di manutenzione che il Comune affidava sovente ad una ditta in particolare”.

Altri dettagli sull’indagine (che comunque non si è ancora fermata), per ora, non trapelano. Sulla vicenda il sindaco di Alassio si è limitato a dire: “Oggi sono stato fuori città tutto il giorno. Sto rientrando solo adesso e quindi non ho ancora preso bene coscienza dei fatti. Già questa sera lo farò e domani sicuramente commenterò la vicenda”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Biagio MURGIA

    Non sono così ottimista come chi ha scritto prima di me; AVOGADRO non darà mai le dimissioni, perchè la poltrona prima di tutto; d’altronde se ha avuto la faccia tosta di festeggiare il 25 aprile come se fosse un partigiano, quando da sindaco leghista di Alassio (alcuni anni fa, mica secoli) diceva che lui il 25 aprile non aveva nulla da festeggiare perchè lui era padano e che avrebbe festeggiato solo quando la padania avrebbe avuto la separazione dall’Italia…..Lascio a voi ogni altro commento e riflessione..Dimissioni…..Dimissioni….Dimissioni…

  2. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    Non se ne può più!
    Sembra di essere finiti in un girone infernale dove ognuno pensa alla propria “panza” e approfitta di ogni occasione per rimpinguare il proprio conto corrente. E non è questione di colore politico. Tutti uguali. Come quelli che sono a Roma.
    Ma i cittadini cosa fanno? Mugugnano e bastaIo mi auguro ancora che non sia vero niente anche se, come si suol dire, “Se c’è fumo ci deve essere anche il fuoco”

  3. Scritto da Alex

    Sbaglio o sento Puzza di DIMISSIONI del Sindaco e della Giunta?
    Credo sia un atto dovuto, almeno per la trasparenza, o sbaglio?
    Son curioso di vedere a stò giro come ne escono !!
    Aspettiamo le dichiarazioni alla stampa.
    Comunque è triste, siam finiti dalla padella alla brace in un attimo.

  4. .
    Scritto da 100%

    Trovo inutile puntare il dito solo una persona, anche perchè sembrano coinvolte delle altre. Sarà la giustizia a fare pulizia e chiarezza come sempre. Purtroppo questo è solo l’esempio di come funziona il sistema Italia, quindi non si tratta di togliere il tassello di sinistra e rimpiazzare quello di destra, ma di eliminare questa mentalità con gente diversa nel modo di vestire, esibire, dialogare, confrontarsi con la quotidianità e meno arrivista, che riesca a guardare lontano anche per le generazioni future.

  5. Claudio Bigazzi
    Scritto da Claudio Bigazzi

    No, è l’ amministrazione Avogadro che è il cancro del nostro Comune.
    Adesso finalmente sappiamo chi è che cementifica la collina, gli amici di amministrazione di Avogadro, il suo vice-sindaco! E lo fanno in spregio alle leggi, a quelle regole il cui rispetto Avogadro ha tanto decantato, ma cui fa strane senza scrupoli se c’ è il suo intersse!
    Avogadro domani non deve parlare, deve protocollare le sue dimissioni, chiedere scusa agli alassini e tornarsene a Montalcino per sempre!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.